MediterraneiNews.it

Uscita da scuola dei minori e obbligo vaccinale, argomenti “caldi” dell’approvata legge 172

Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 5 dicembre 2017, n. 284, la legge 4 dicembre 2017, n. 172, di conversione del decreto-legge ottobre 2017, n. 148 “Disposizioni urgenti in materia finanziaria e per esigenze indifferibili” (decreto fiscale). Il provvedimento è entrato in vigore il 6 dicembre 2017.

Relativamente al comparto scuola, la legge definisce due argomenti molto “caldi” e ampiamente discussi negli ultimi mesi, l’uscita autonoma da scuola dei minori di 14 anni e il controllo dell’obbligo vaccinale.

L’articolo 19-bis del decreto-legge convertito, riguarda l’uscita autonoma da scuola dei minori di 14 anni e prevede che “sulla base di una valutazione riguardante l’età del minore, il grado di autonomia dello stesso e lo specifico contesto, i genitori possono autorizzare la scuola a consentire l’uscita autonoma del figlio al termine delle lezioni. L’autorizzazione solleva il personale scolastico da ogni responsabilità legata all’obbligo di vigilanza”.
La legge prevede, inoltre, che i genitori possano rilasciare un’autorizzazione agli enti locali, affinché i figli minori di 14 anni usufruiscano autonomamente del servizio di trasporto scolastico, esonerando dalle responsabilità connesse all’adempimento dell’obbligo di vigilanza nella salita e discesa dal mezzo e nel tempo di sosta alla fermata

L’art. 18-ter del decreto-legge convertito, riguarda l’obbligo vaccinale e prevede che la procedura semplificata per il controllo di tale obbligo nelle scuole (introdotta dal Dlgs 73/2017) si possa anticipare di un anno scolastico ed applicare già dall’anno scolastico 2018/19, nelle sole regioni e nelle province autonome in cui sia stata già istituita l’Anagrafe vaccinale. In tali regioni, inoltre, la predetta procedura può essere applicata per il corrente anno scolastico, purché il controllo sul rispetto degli adempimenti vaccinali si concluda entro il 10 marzo 2018.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Etna, dieci persone ferite dall’esplosione di uno dei crateri – VIDEO

Sono dieci le persone che, colpiti da materiale lavico, sono rimaste ferite dall’esplosione di uno dei crateri dell’Etna. Nessuno è in gravi condizioni. Sei sono ancora negli ospedali. Tre dei pazienti sono, uno ciascuno, negli ospedali Garibaldi, Vittorio Emanuele e Cannizzaro di Catania. Gli altri tre nel pronto soccorso dell’ospedale…

Leggi tutto »

Foibe. Genocidio di quasi diecimila italiani, cattolici, liberaldemocratici, socialisti, fascisti, uomini di chiesa, donne, anziani e bambini.

Le foibe sono cavità carsiche di origine naturale con un ingresso a strapiombo. È in quelle voragini dell’Istria che fra il 1943 e il 1947 furono gettati, vivi e morti, quasi diecimila italiani. E’ il “Giorno del Ricordo”, appena 15 giorni dopo il “Giorno della Memoria”. La Shoah e le Foibe si…

Leggi tutto »