MediterraneiNews.it

Joppolo, il consiglio comunale accetta la donazione della torre Parnaso. Adesso via al restauro

Accettata dal consiglio comunale la donazione da parte di Giuseppe Stefano Laghi, dell’antica torre “Parnaso” o di “Sant’Antonio”, sita in località Petto Agnone, insieme al circostante terreno agricolo.

L’immobile meglio conosciuto come “torre di Joppolo” è stato dichiarato, con decreto del luglio 1977 del ministero per i Beni e le attività culturali e ai sensi della Legge 1089 del 1939, di notevole interesse storico ed artistico perché “documento per lo studio delle espressioni del periodo cinquecentesco del basso Tirreno” e anche perché, unitamente a quella di Taureana, nel reggino, costituirebbe l’unico esemplare di fortificazione, di difesa ed avvistamento in atto esistente quasi nella sua integrità ed è, quindi, sottoposta a tutte le disposizioni di tutela contenute nella legge medesima.

Laghi sarebbe giunto a tale decisione dopo aver maturato l’idea che la torre non deve essere di proprietà privata, ma a disposizione della collettività, convincendosi, così, a donarla al Comune a condizione che questa venga interamente restaurata e posta nella condizione di essere facilmente raggiungibile e visitabile da tutti.

“Per la sua notevole rilevanza storica ed artistica – afferma il consigliere Giovanni Preiti che ha proposto l’adozione –, la torre ben si presta ad un utilizzo con finalità pubbliche volte a far comprendere in maniera adeguata l’inestimabile valore della testimonianza storico-artistica lasciateci dai popoli del passato. In tal senso il restauro e la fruibilità sono intesi quale contributo all’offerta turistico-culturale e alla realizzazione di itinerari e circuiti finalizzati anche a mettere in rete i siti di interesse culturale e paesaggistico presenti in diversi territori, migliorandone la fruizione pubblica”.

L’immobile per la posizione strategica e per la vicinanza al centro abitato potrebbe rappresentare, quindi, un volano per lo sviluppo turistico-culturale e la riorganizzazione del territorio dando lustro, visibilità e prestigio al comune tirrenico.

“Non posso che esprimere tutta la mia soddisfazione e quella dell’amministrazione – dichiara il sindaco Carmelo Mazza – perché oggi questo consiglio comunale, in perfetta sintonia con il programma politico-amministrativo della maggioranza, getta le basi per il recupero al patrimonio comunale della Torre di Joppolo. Un ringraziamento particolare al consigliere Preiti che ha seguito con passione tutto l’iter e che ci ha condotti all’odierna decisione, ma anche sentimenti di gratitudine e stima al proprietario della torre Laghi che per il suo alto gesto merita di essere annoverato fra i cittadini di questo comune. Toccherà a noi, nel momento in cui l’acquisiremo, tutelare e valorizzare questo inestimabile bene architettonico e paesaggistico. Oggi è un grande giorno, ci riappropriamo di un bene inestimabile non solo dal punto di vista storico-architettonico, ma anche affettivo, perchè è il nostro simbolo”.

Il consiglio comunale svoltosi senza alcun rappresentante dell’opposizione, ha autorizzato la giunta e il dirigente dell’Utc a effettuare un sopralluogo per individuare la porzione di terreno a servizio della torre e conferire l’incarico per il suo frazionamento.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Joppolo. Un minuto di “chiasso” per il consigliere comunale Taccone….

E’ accaduto il 17 novembre in occasione della morte del boss Totò Riina, ma solo oggi si alzano gli scudi da parte del Codacons e non da parte degli amici di facebook di Mimmo Taccone che nel leggere il suo post “Un minuto di silenzio X lo zio Toto” non…

Leggi tutto »

L’Azione Cattolica! Ne ho fatto parte…

Pino Macino, da Pupari & Pupi Cominciano i festeggiamenti per i 150 anni dell’Azione Cattolica. Ne ho fatto parte. Da piccolissimo. Allora c’era una rigida organizzazione.I più piccoli eravamo inquadrati e divisi in fiamme bianche, fiamme verdi  e fiamme rosse ed affidati alle cure di una Signora ( a Gioia…

Leggi tutto »