MediterraneiNews.it

Da uno studio Censis-Confcooperative la piaga del lavoro nero in Calabria.

Interessanti dati dal rapporto presentato nei giorni scorsi a Roma da Confcooperative e dal Censis sul lavoro nero in Italia. Dati però allo stesso tempo preoccupanti per quanto riguarda le regioni meridionali del paese.

Secondo questo rapporto, nel periodo 2012-2015 mentre l’occupazione regolare si è ridotta del 2,1%, l’occupazione irregolare è aumentata del 6,3%, portando cosi a oltre 3,3 milioni i lavoratori che vivono in questa vera e propria zona d’ombra.

Sul piano territoriale, e riguardo all’incidenza del lavoro irregolare sul valore aggiunto regionale, Calabria e Campania registrano le percentuali più alte (rispettivamente il 9,9% e l’8,8%), seguite da Sicilia (8,1%), Puglia (7,6%), Sardegna e Molise (entrambe con il 7,0%).

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Convegno e workshop a Milano su sostenibilità, etica, innovazione, lavoro. Intervista alla presidente APCO, dott.ssa Cesara Pasini

Importante convegno e  workshop su  “Giornata APCO” Associazione Professionale Italiana Consulenti di Management  Milano, 30 Maggio 2017, presso l’ Unione del Commercio, Corso Venezia 49 sui temi della SOSTENIBILITÀ, ETICA, INNOVAZIONE, LAVORO. L’ evento è incentrato su due obiettivi dell’Agenda ONU 2030: SDG 8 (Buona occupazione, crescita economica) e SDG…

Leggi tutto »

Coldiretti: Nuovo bando Inail per l’acquisto di mezzi agricoli.

“Le aziende agricole hanno diverse opportunità e non devono considerare, seppur importanti,  solo i fondi del PSR. Di grande interesse – informa in una nota la Coldiretti –  è la pubblicazione del bando Inail Isi Agricoltura  per quanto riguarda l’acquisto di trattori agricoli e/o macchine agricole. Sono finanziabili le spese…

Leggi tutto »