MediterraneiNews.it

Da uno studio Censis-Confcooperative la piaga del lavoro nero in Calabria.

Interessanti dati dal rapporto presentato nei giorni scorsi a Roma da Confcooperative e dal Censis sul lavoro nero in Italia. Dati però allo stesso tempo preoccupanti per quanto riguarda le regioni meridionali del paese.

Secondo questo rapporto, nel periodo 2012-2015 mentre l’occupazione regolare si è ridotta del 2,1%, l’occupazione irregolare è aumentata del 6,3%, portando cosi a oltre 3,3 milioni i lavoratori che vivono in questa vera e propria zona d’ombra.

Sul piano territoriale, e riguardo all’incidenza del lavoro irregolare sul valore aggiunto regionale, Calabria e Campania registrano le percentuali più alte (rispettivamente il 9,9% e l’8,8%), seguite da Sicilia (8,1%), Puglia (7,6%), Sardegna e Molise (entrambe con il 7,0%).

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Turismo: ricerca del Centro studi Unioncamere Emilia-Romagna, illustra le tante potenzialità del vibonese. Costituire il Distretto Turistico della Costa degli Dei?

Tra le idee venute fuori dal recente convegno tenutosi a Nicotera nei giorni scorsi vi è anche quella di dare vita ad un Distretto Turistico della Costa degli Dei. Se ne è fatto portavoce il consigliere regionale Michele Mirabello. E potrebbe non essere una cattiva idea stando ai dati che emergono…

Leggi tutto »

Soriano: dieci precari avranno un occasione di lavoro temporaneo

L’Amministrazione comunale di Soriano Calabro – guidata dal sindaco Francesco Bartone – ha aderito ad un bando regionale per dare un occasione di lavoro, seppur temporaneo a dieci precari. Sarà la stessa Regione calabria ad assumersi ogni onere finanziario. I lavoratori, quindi saranno impiegati nei diversi settori di lavoro soprattutto…

Leggi tutto »