MediterraneiNews.it

Da uno studio Censis-Confcooperative la piaga del lavoro nero in Calabria.

Interessanti dati dal rapporto presentato nei giorni scorsi a Roma da Confcooperative e dal Censis sul lavoro nero in Italia. Dati però allo stesso tempo preoccupanti per quanto riguarda le regioni meridionali del paese.

Secondo questo rapporto, nel periodo 2012-2015 mentre l’occupazione regolare si è ridotta del 2,1%, l’occupazione irregolare è aumentata del 6,3%, portando cosi a oltre 3,3 milioni i lavoratori che vivono in questa vera e propria zona d’ombra.

Sul piano territoriale, e riguardo all’incidenza del lavoro irregolare sul valore aggiunto regionale, Calabria e Campania registrano le percentuali più alte (rispettivamente il 9,9% e l’8,8%), seguite da Sicilia (8,1%), Puglia (7,6%), Sardegna e Molise (entrambe con il 7,0%).

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Il Villaggio Coldiretti di Bari conferma che il cibo Made in Sud è una formidabile leva di crescita e contribuisce a tenere unito il paese.

“Il successo del Villaggio Coldiretti a Bari che è stato al centro dell’attenzione nel’ultimo fine settimana – sottolinea Pietro Molinaro presidente di Coldiretti Calabria – è la sintesi e l’esaltazione perfetta di vari fattori: l’enorme crescita della sensibilità degli italiani verso stili di vita sani e in equilibrio con la…

Leggi tutto »

Si è dimessa l’assessora regionale Carmen Barbalace

Pino Macino, da Pupari & Pupi L’ho conosciuta di recente ad un convegno…..con i ragazzi delle scuole a Cittanova..si discuteva a margine di un premio destinato ai ragazzi…..un premio per giornalisti in erba…tema:” che faccio…me ne vado..?”…..domanda sempre di più corrente nella generazione perduta che la nostra società calabrese si…

Leggi tutto »