MediterraneiNews.it

Da uno studio Censis-Confcooperative la piaga del lavoro nero in Calabria.

Interessanti dati dal rapporto presentato nei giorni scorsi a Roma da Confcooperative e dal Censis sul lavoro nero in Italia. Dati però allo stesso tempo preoccupanti per quanto riguarda le regioni meridionali del paese.

Secondo questo rapporto, nel periodo 2012-2015 mentre l’occupazione regolare si è ridotta del 2,1%, l’occupazione irregolare è aumentata del 6,3%, portando cosi a oltre 3,3 milioni i lavoratori che vivono in questa vera e propria zona d’ombra.

Sul piano territoriale, e riguardo all’incidenza del lavoro irregolare sul valore aggiunto regionale, Calabria e Campania registrano le percentuali più alte (rispettivamente il 9,9% e l’8,8%), seguite da Sicilia (8,1%), Puglia (7,6%), Sardegna e Molise (entrambe con il 7,0%).

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Calabria: partiti oggi i lavori per la nuova ferrovia Jonica.

Ad un anno esatto dalla presentazione del “Patto per il Sud, sottoscritto conil Presidente Renzi a Reggio Calabria, partono i lavori della nuova ferrovia ionica e per la nostra regione è una giornata storica, indimenticabile”. E’ quanto ha affermato il Presidente della Regione, Mario Oliverio, nel corso di un incontro…

Leggi tutto »

Nuova riunione del consiglio regionale il 30 novembre.

Il Consiglio regionale della Calabria terrà una nuova seduta il prossimo 30 novembre. Lo ha deciso il Presidente Nicola Irto. Quattro i punti all’ordine del giorno dei lavori: 1) la proposta di provvedimento amministrativo n. 199/10^ di iniziativa d’Ufficio per la “Reintegrazione del Sig. Nazzareno Salerno nella carica di Consigliere regionale…

Leggi tutto »