MediterraneiNews.it

Nicotera, nigeriano in gravi condizioni aggredito da connazionale, un fermo

Un nigeriano, richiedente asilo politico, ospite del Cas di Nicotera, è ricoverato all’ospedale di Vibo Valentia in pericolo di vita.

E’ successo nel pomeriggio di ieri a Nicotera, dove i carabinieri di Nicotera e Nicotera Marina sono stati allertati dal 118, dove si è presentato un nigeriano con evidenti ferite da taglio sui polsi, presentando tagli netti alle arterie e alle vene.

A quel punto i militari si sono recati presso la struttura individuando l’aggressore nel connazionale Abuo Onyekekachi, classe ’88, anch’egli richiedente asilo ed ospite della stessa struttura, con alcuni precedenti per minacce e percosse; la vittima, che viaggiava in treno senza biglietto e protestava contro il controllore, litigava con l’aggressore che invece difendeva il dipendente di Ferrovie dello Stato; da lì il forte litigio, iniziato alla Stazione ferroviaria, e proseguito fino i pressi del Cas, dove sembrerebbe che i due si siano aggrediti, la vittima con un bastone ed il fermato con una bottiglia di vetro rotta. A quel punto i militari, constatando il quadro indiziario, hanno eseguito il fermo di polizia giudiziaria del Abuo, che è stato tradotto presso la casa circondariale di Vibo Valentia a disposizione dell’A.G.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Economia asfittica, necessaria una strategia per lo sviluppo.

L’economista austriaco Joseph Schumpeter, amava dire che “non ci sono investimenti che di per sé, fanno decollare un’area debole se prima non cambia la struttura sociale, la cultura dominante e il rapporto tra le istituzioni e la società”. E se questo assunto è vero – come del resto indicano tante…

Leggi tutto »

L’infermiere addetto al funzionamento del centro prelievi ubicato nel presidio ospedaliero di Nicotera si prepara ad andare in pensione e sul mantenimento dell’importante servizio si addensano nuvoloni neri. Sino ad oggi, alla collocazione in quiescenza di medici o personale sanitario, ha fatto da contraltare la chiusura dei rispettivi ambulatori o…

Leggi tutto »