MediterraneiNews.it

Elezioni in Kosovo: Vince il Partito Democratico (PDK).

Il PDK  -Partia Demokratike e Kosovës (Partito democratico del Kosovo) è il vincitore delle seste elezioni svoltesi ieri nella piccola repubblica balcanica.

La coalizione guidata dal PDK che comprende la AAK – Aleanca për Ardhmërinë e Kosovës (Alleanza per il futuro del Kosovo) di orientamento conservatore e Nisma për Kosovën – NK (Iniziativa per il Kosovo) – di orientamento socialdemocratico – ha ottenuto il 34.5% dei voti.

L’Alleanza ha staccato sia il movimento nazionalista Lëvizja Vetëvendosje (VV) che si batte da sempre in maniera molto decisa per l’autodeterminazione completa del piccolo paese balcanico e che ha ottenuto il 26.7% dei voti che la LDK – Lidhja Demokratike e Kosovës (Lega democratica del Kosovo) di orientamento conservatore e che si presentava assieme alla Aleanca Kosova e Re (AKR), soggetto politico di area liberale. Al quarto posto – con il 5.7% dei voti – Građanska Inicijativa Srpska Lista (GISL) che tutela gli interessi della minoranza serba del Kosovo.

Da sottolineare che i nazionalisti di VV hanno ottenuto un successo praticamente raddoppiando i voti del 2014 (13.6%) mentre la somma dei voti del’alleanza LDK-GISL è inferiore a quella raccolta tre anni fa dai due soggetti politici separatamente (29.9%), Stesso discorso per il cartello elettorale vincente PDK-AAK-NK i cui partiti separatamente avevano raccolto il 45.1% dei voti nelle scorse legislative. Imncremento di mezzo punto per la lista serba.

La vittoria dei “partiti dell’UÇK”, alleati dell’ultim’ora e acerrimi avversari fino a poche settimane fa, non significa però una chiara e facile formula per creare il prossimo esecutivo. Ramush Haradinaj, indicato come candidato premier dalla coalizione, avrà infatti bisogno di trovare alleati di governo, impresa non sempre facile in Kosovo, dove i negoziati politici sono lunghi e complessi.

Le elezioni anticipate seguono infatti la rottura del governo di coalizione uscente.

Preoccupa negli osservatori anche il dato sull’affluenza che si è attestata attorno al 41%

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

L’India si proietta sui mari.

Secondo l’ammiraglio americano Alfred Thayer Mahan chi domina l’Oceano Indiano domina l’intera Asia. Forse gli strateghi e i decisori della Federazione Indiana, il secondo stato più popoloso del pianeta e la più grande democrazia del globo, si saranno ricordati di questa espressione quando hanno varato una strategia di rafforzamento della…

Leggi tutto »

Elezioni in Islanda, ora è rebus per il nuovo governo.

Le elezioni che si sono tenute ieri nel piccolo paese nordico, hanno dato vita ad un panorama politico molto frammentato. Sono infatti ben otto, le formazioni che sono entrate nel piccolo parlamento islandese. Al primo posto, il partito che da sempre è il pilastro del sistema politico locale, il Partito dell’Indipendenza…

Leggi tutto »