MediterraneiNews.it

Crotonese, sequestro di artifizi pirotecnici, autovettura incendiata e due arresti

Nella vigilia di Natale, i Carabinieri della Compagnia di Crotone, nel corso di mirati servizi finalizzati al contrasto della vendita di artifizi pirotecnici illegali, hanno denunciato alla competente Autorità Giudiziaria, una commerciante di Crotone, cinquantenne, per i reati di commercio abusivo di materiale pirotecnico ed omessa denuncia di materie esplodenti. I militari, in seguito ad una perquisizione domiciliare, hanno rinvenuto, presso l’abitazione della donna, 140 kg circa di materiale pirotecnico, la cui vendita è vietata e che pertanto è stato sottoposto a sequestro.

Durante la notte di Natale, a Strongoli, i carabinieri della Compagnia di Cirò Marina sono intervenuti insieme ai Vigili del Fuoco, in località “Pietra dello Scalo”, per l’incendio di un’autovettura di proprietà di una donna. Il fuoco ha distrutto completamente il veicolo. Sono in corso indagini della Stazione di Strongoli e della Compagnia di Cirò Marina.

I carabinieri della Tenenza di Isola Capo Rizzuto hanno eseguito un’ordinanza di sostituzione della misura cautelare degli arresti domiciliari con quella della custodia in carcere, emessa dal  Tribunale di Crotone, nei confronti di un 59enne, isolitano. L’ordinanza scaturisce dalla frequente inottemperanza delle prescrizioni imposte con la precedente misura. L’uomo è stato condotto dai carabinieri presso la Casa Circondariale di Catanzaro.

I Carabinieri della Stazione di Crotone hanno eseguito un provvedimento di sottoposizione alla detenzione domiciliare emesso, dal Tribunale di Sorveglianza di Catanzaro, nei confronti di un 60enne, disoccupato, poiché condannato per detenzione illecita di sostanze stupefacenti, per fatti avvenuti a Crotone e risalenti all’agosto 2012. L’uomo è stato tradotto dai carabinieri presso la propria abitazione in regime di detenzione domiciliare.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Riace, assassinato un boscaiolo

Diversi colpi d’arma da fuoco sono stati esplosi da un sicario appostato in contrada Pipedo, nei confronti di un boscaiolo, Giovanni Mammone, 45 anni, incensurato, sposato e padre di due figli, originario di Placanica, ma residente da tempo a Riace Marina. A sparare, secondo gli inquirenti, sarebbe stato un solo killer da…

Leggi tutto »

Direzione marittima di Reggio Calabria, nel 2016 le unità calabresi hanno salvato 4.156 migranti

Sono 4.156  i migranti salvati, nel 2016, in 33 operazioni di soccorso condotte al largo delle coste calabresi, dalla Guardia costiera di Crotone e Roccella Ionica con il coordinamento della sala operativa del Centro di soccorso secondario di Reggio Calabria. A loro si aggiungono altre 27 mila persone giunte nei porti…

Leggi tutto »