MediterraneiNews.it

Far west tra Nicotera e Limbadi?

Pino Macino, da Pupari & Pupi
Notizie che ti lasciano senza parole. Domani i giornali troveranno spiegazioni da dare all’incredibile spedizione  di morte che ha insanguinato Limbadi e Nicotera.  Dalle biografie segnalate dalla stampa il quadro è nero: morti , feriti e sparatore accomunati  da ricordi di altri omicidi, di altre violenze, di altre assurdità. Eppure Limbadi non era così. Tutto il territorio vibonese era considerato un “territorio babbo”, lontano dalla criminalità organizzata della vicina provincia reggina…gente semplice, dedita al lavoro: rari i ricordi di violenze efferate…un territorio povero ma che aveva dato natali a uomini  illustri…con tradizioni solide e buone….una Chiesa ben organizzata e che era generalmente educatrice di massa…ed a Nicotera c’era  l’antico liceo Ginnasio…Una terra buona e rispettosa. Il mio bisnonno paterno, siciliano, …ci arrivò  alla fine dell’ “800”seguendo la costruzione della ferrovia Palermo/Roma… e realizzando opere in pietra come maestro scalpellino. La pietra nicoterese era eccezionale  e si fermò a Mandaradoni di Limbadi. Mio nonno – primo Macino nato in Calabria  – vi rimase ….andando e tornando 12 volte da New York. Conosco, dunque, da bambino, quel territorio e ne piango l’involuzione, il disagio degli abitanti, la mortificazione dei buoni. Ma come è stato possibile che la malapianta abbia potuto mettere radici così devastanti ?…basta la ricchezza e la forza del denaro venuta dal malaffare, incentivato dai lavori di costruzione del vicino e grande porto di Gioia Tauro? come e quando è stato consentito il salto di qualità a favore della prepotenza …perchè è mancato il coraggio dei buoni e perchè l’ignavia ha colorato largamente le rappresentanze sociali ? Domande che hanno nel silenzio la risposta…ed il silenzio si confonde con uno Stato cialtrone o complice che per mille convenienze ha accettato questa situazione. E che oggi sa rispondere solo con lo scioglimento cretino del consiglio comunale. Il punto è che oggi raccogliamo questi frutti.Ma l’albero che li ha  nutriti è ancora forte e rigoglioso. Dovremmo saperlo.
Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Quartiere stazione, dodici ore d’inferno

 L’inferno attorno al quartiere stazione. Per dodici ore.  Fiamme e fumo cominciano a riempire l’aria subito dopo mezzogiorno. Lingue di fuoco che si levano improvvisamente e sospinte dal vento avanzano minacciosamente verso dell’abitato. Si teme il peggio. Dal Comando provinciale dei vigili del fuoco di Vibo arriva, però, con tempestività,…

Leggi tutto »

“Sorical, Prefetto, Regione, Arpacal … dove siete?”

Tutti sotto accusa, Prefetto, Regione, Arpacal, ma soprattutto, Sorical. E’ quanto emerso durante la conferenza stampa indetta, presso la sala consiliare di palazzo Convento, dal Movimento “14 luglio”, voluta per sottolineare, ancora una volta  e  nonostante sei mesi di lotta dura e continua, come il problema dell’acqua, marrone, maleodorante e untuosa…

Leggi tutto »