MediterraneiNews.it

Calabria: 100 milioni per i borghi calabresi. Pubblicato il bando sul sito della Regione.

Il  presidente della Regione Mario Oliverio è intervenuto, oggi pomeriggio, nella sede della Cittadella a Catanzaro alla presentazione dei due Avvisi pubblicati in preinformazione in attuazione delle attività per lo sviluppo turistico e culturale dei Borghi della Calabria.

L’Avviso si incardina all’interno delle linee prioritarie della Programmazione Regionale Unitaria 2014/2020, persegue gli obiettivi specifici del Progetto Strategico per la Valorizzazione dei Borghi della Calabria ed il Potenziamento dell’offerta turistica e culturale di seguito elencati: 1)  Incrementare l’attrattività turistica dei borghi calabresi caratterizzati da forti tradizioni culturali, enogastronomiche e storiche, migliorando la fruibilità del patrimonio ambientale, artistico e culturale, valorizzando e promuovendo le produzioni e le attività ivi esistenti; 2) Favorire l’attuazione di modelli di gestione/valorizzazione innovative degli attrattori culturali e di specifici itinerari e reti culturali tematiche; 3) Sostenere il miglioramento delle condizioni di contesto dei borghi secondo un approccio basato sulla qualità diffusa e sulla coerente sostenibilità ambientale, economica e sociale, anche ai fini di consentire il riconoscimento di: “I borghi più belli d’Italia”, promosso e sostenuto dall’Associazione nazionale comuni italiani (ANCI), Città Slow, Bandiera Arancione, Borghi Autentici.; 4) Favorire l’accessibilità ecosostenibile nei Borghi, soprattutto alle persone con bisogni speciali, attraverso lo sviluppo dei servizi di orientamento e informazione; 5) Valorizzare le filiere locali della green economy; 6) Favorire lo sviluppo di pacchetti di offerta turistica in grado di: valorizzare il paesaggio naturale; intercettare segmenti sempre più ampi della domanda nazionale e internazionale di turismo culturale ed enogastronomico; contribuire alla sostenibilità delle attività turistiche regionali attraverso una migliore distribuzione temporale e spaziale delle presenze dei visitatori; 7) Sostenere la riqualificazione di infrastrutture pubbliche e impianti per il tempo libero, lo sport e la cultura, al fine di migliorare le condizioni strutturali e gli standard di qualità e offerta del patrimonio culturale; 8) Incoraggiare e sostenere iniziative locali di “investimento diffuso” di ricucitura con il contesto degli spazi pubblici volte alla riqualificazione e valorizzazione del patrimonio immobiliare in abbandono e/o di sottoutilizzo .

Al di là delle dimensioni fisico-territoriali e/o del numero degli abitanti, per Borgo si intende un centro o nucleo storico, dotato di una struttura urbanistica e insediativa, espressione dell’identità culturale e territoriale, armoniosa, compatta e esteticamente omogenea per volumi e materiali impiegati. Il Borgo, prevalentemente caratterizzato dalla presenza di una o più emergenze architettoniche e monumentali (castello/palazzo, chiesa/cattedrale, mura e porte urbane, preesistenze storiche, ecc.) e di spazi pubblici di relazione (piazza principale, corso, rete dei percorsi interni, parco urbano, ecc.), deve presentare una prevalenza di edifici storici e un’edilizia residenziale minore espressione delle tradizioni costruttive e dei materiali dei luoghi.

Gli interventi ammissibili, che potranno riguardare l’intero borgo o parte di esso, sono riconducibili a: a) Interventi finalizzati al miglioramento dell’aspetto estetico (arredo urbano, ripristino e riqualificazione) degli spazi pubblici (piazze, giardini e verde pubblico) e degli edifici pubblici, nonché del tessuto insediativo, utilizzando materiali da costruzione, sistemi e tecniche costruttive coerenti con i caratteri morfotipologici locali; b) Recupero e riqualificazione fisica e funzionale di edifici e spazi pubblici da destinare alla promozione del turismo ecologico, culturale ed enogastronomico; c) Rifunzionalizzazione di edifici pubblici da destinare a spazi espositivi per l’artigianato artistico e di qualità e la degustazione dei prodotti enogastronomici locali; d) Interventi finalizzati all’abbattimento delle barriere architettoniche, all’interramento di cavi aerei, al cablaggio delle reti, alla mimetizzazione di antenne o altri elementi non confacenti ai caratteri identitari dei luoghi; e) Interventi di recupero e riqualificazione di spazi pubblici finalizzati a migliorare l’accessibilità e la mobilità interna al borgo (cartellonistica informativa, sistemazione della viabilità; parcheggi e piazzole di sosta, percorsi pedonali, sistemi ettometrici, ecc..); f) Interventi di recupero/riqualificazione di immobili inutilizzati o sottoutilizzati da destinare alla creazione di “ospitalità diffusa”, da realizzare preferibilmente in partenariato con soggetti privati; g) Realizzazione e potenziamento di centri per l’offerta turistica, di servizi per l’accoglienza dei visitatori (ad es. info-point, internet point, rete WiFi in grado di coprire tutti gli itinerari e di garantire un sistema di guide virtuali, servizi per la fruizione di chiese, castelli e palazzi, musei, aree e siti archeologici, ecc.) e di itinerari ricreativo/turistico-culturale; h) Realizzazione e organizzazione di iniziative ricreative, culturali e didattiche, promossi in collaborazione con associazioni culturali, reti di imprese, università, istituzioni scolastiche, per la valorizzazione degli attrattori culturali e specifici itinerari/reti culturali tematici; i) Creazione e potenziamento di Cultural e creative lab o Cantieri della Creatività promossi in collaborazione con associazioni culturali, reti di imprese, università, istituzioni scolastiche e finalizzati alla creazione di nuovi contenuti, servizi culturali e artistici in genere. j) Interventi di promozione, anche intercomunale, di carattere turistico-culturale.

L’ammontare complessivo delle risorse destinate al finanziamento del presente Avviso è pari a 100 milioni di euro a valere sul Fondo di Sviluppo e Coesione – FSC. Possono presentare domanda di agevolazione a valere sul presente Avviso i Comuni della Regione Calabria. Il Beneficiario ha l’obbligo di ultimare il programma di spesa entro i termini previsti dalla Convenzione di cui all’art. 13 e, in particolare, entro 18 mesi dalla sottoscrizione della Convenzione. Il contributo concedibile è pari al 100% delle spese sostenute per la realizzazione di Programmi di intervento di importo non inferiore a 300.000 euro. Il contributo massimo concedibile per beneficiario è di 1.500.000 euro. Le domande di agevolazione e i relativi allegati dovranno essere compilate on line, accedendo, previa registrazione, al sito http://www.regione.calabria.it/calabriaeuropa, sottoscritte digitalmente e inviate mediante procedura telematica entro e non oltre le ore 12 del 30 luglio 2018.

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Presentato alla Regione, un iniziativa per la promozione e la tutela del paesaggio

È stato presentato stamani alla Cittadella regionale il protocollo d’intesa sull’organizzazione della “XXI Riunione degli Ateliers del Consiglio d’Europa per l’applicazione della Convenzione Europea del Paesaggio”, che si svolgerà in Calabria dal 3 al 5 ottobre del 2018. All’inziativa hanno preso parte gli assessori Alla Pubblica Istruzione Federica Roccisano e…

Leggi tutto »

Regione: approvato il nuovo piano per il diritto allo studio.

Durante la seduta della giunta regionale di ieri, 20 giugno, è stato approvato il nuovo piano per il diritto alla studio a valere sui fondi della legge regionale 27/85. “Si tratta – ha dichiarato l’Assessore alla Pubblica Istruzione Federica Roccisano – di un piano che investe sul tempo e sulla…

Leggi tutto »