MediterraneiNews.it

Reggino, scoperta frode all’Erario perpetrata da sei Caf e 355 contribuenti

Nell’ambito dell’attività istituzionale in materia di spesa pubblica, i Finanzieri del Gruppo di Locri hanno accertato, al termine di un’articolata e complessa attività d’indagine, una truffa aggravata in danno dell’Erario perpetrata, nelle località di Africo, Platì, San Luca e Bovalino, da 6 Responsabili periferici di CafCentri di Assistenza Fiscale – e 355 contribuenti mediante la predisposizione e trasmissione di dichiarazioni fiscali (ordinarie e integrative) contenenti dati non veritieri con un danno alle casse dello Stato per circa 2 milioni di euro.

Il servizio delle Fiamme Gialle, in collaborazione con l’Agenzia delle Entrate di Reggio Calabria, è stato finalizzato al controllo dei modelli dichiarativi (730/2017), recanti quale sostituto d’imposta l’Inps, al fine di verificare la corretta percezione di rimborsi fiscali da parte dei contribuenti. L’attento e minuzioso esame delle posizioni fiscali controllate, ha consentito di rilevare un sistema fraudolento finalizzato all’indebito percepimento anche di doppi rimborsi Irpef per importi minimamente inferiori alla soglia prevista per il controllo preventivo della dichiarazione dei redditi da parte dell’Agenzia delle Entrate, fissata in 4mila euro.

Nel corso delle indagini si è appurato, inoltre, come diversi soggetti coinvolti abbiano indebitamente richiesto e ottenuto rimborsi fiscali relativi ad ingenti crediti non giustificati, nella maggior parte dei casi, per la modesta situazione reddituale derivante quasi sempre da contratti di lavoro a tempo determinato. Le Fiamme Gialle hanno anche effettuato sul conto di tutti i soggetti coinvolti accertamenti economico-patrimoniali constatando, in capo ad alcuni di essi, il possesso di beni mobili di lusso e immobili di pregio a fronte di una modesta situazione reddituale. Le indagini si sono concluse con il deferimento all’Autorità Giudiziaria di 6 responsabili periferici di Centri di Assistenza Fiscale e 355 soggetti per le ipotesi di reato riguardante la truffa aggravata ai danni dell’Erario e la falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Scilla, risultava invalido, ma lavorava in nero

I finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, dopo aver assunto informazioni all’Inps e nell’Aziende sanitaria locale, hanno avviato accertamenti mirati scoprendo che dal 2007 percepiva sia la pensione che l’assegno di invalidità civile, ma lavorava in nero nel settore edile. L’ennesimo “falso invalido” è stato denunciato, quindi, in stato…

Leggi tutto »

Si ribalta un auto a Vibo marina: illeso il conducente.

ha rischiato davvero grosso il conducente della Bmw che ieri sera – attorno alle 19.00 – è finito dentro lo smottamento che ha interessato il lungomare del quartiere pennello, ribaltandosi. Per fortuna all fine il malcapitato se l’è cavata solo con qualeche contusione. Sul posto sono prontamente intervenuti sia i Vigili…

Leggi tutto »