MediterraneiNews.it

Servizio Civile di Nicotera, la cittadina tirrenica culla delle clementine e del miele. Proposto un progetto per le scuole.

Nicotera culla delle clementine, nonché, ricca di antiche mielerie dove si producono diverse tipologie di miele, acacia, castagno, arancio, eucalipto e millefiori. Sono le conclusioni di una ricerca portata avanti dai giovani del Servizio civile nazionale che opera, da giugno 2016, a palazzo Convento. I sei volontari, Rita La Rosa, Assuntina La Malfa, Albino Larocca, Clemente Desiderato, Vincenzo Arcuri e Francesco Luca Mangialardo, nell’ambito del “Piano italiano Garanzia giovani”, stanno portando avanti il progetto “Cultura, colori e sapori di Nicotera” con un obiettivo primario, la “promozione turistica a sfondo culturale, in particolare il recupero e la valorizzazione di beni storici, artistici, ambientali immediatamente fruibili e quella dei prodotti tipici strettamente correlati alla vocazione dell’area geografica d’appartenenza”. I sei giovani, per articolare e dare forma al progetto, hanno programmato, coinvolgendo alunni e docenti delle scuole dell’istituto Comprensivo “A. Pagano” del dirigente scolastico Marisa Piro, l’iniziativa “Mangiare è bene, mangiarci è meglio” promuovendo, appunto, i due prodotti  tipici del territorio nicoterese. Attraverso lezioni interattive i volontari hanno informato le giovani generazioni nicoteresi sui benefici e il diverso utilizzo dei due prodotti biologici. Gli alunni hanno appreso, così, che la coltivazione delle clementine si è diffusa in Calabria negli anni ’50 dove avrebbero trovato il loro habitat naturale dopo l’arrivo in Italia, intorno agli anni ’30, direttamente dall’Algeria. Il clima mite e regolare riesce, infatti, ad esaltare le caratteristiche qualitative estrinseche ed intrinseche del frutto che, solo in Calabria, giunge a maturazione molto precocemente, ai primi di ottobre. Sono prodotte in gran parte della regione, ma con una maggiore concentrazione nella zona di pianura e, soprattutto, a Nicotera. Rita La Rosa ha spiegato le diverse proprietà benefiche e le differenti destinazioni d’uso di questa qualità di mandarino, compresa la cosmesi per la preparazione di lozioni tonificanti e maschere per la pelle.
I ragazzi delle scuole sono stati colpiti ed interessati anche dalle proprietà del miele, il cosiddetto “cibo degli dei”, approfondendo l’argomento sul suo utilizzo non solo culinario, ma anche a livello curativo e della cosmesi. Le diverse proprietà benefiche del miele, hanno incuriosito gli alunni, infatti è indicato per l’infanzia in quanto favorisce la fissazione dei sali minerali nell’organismo umano, è antisettico, antinfiammatorio, sedativo per la gola e contro l’eccitazione nervosa e l’insonnia, riduce le allergie, aiuta a digerire e dimagrire. Gli alunni delle diverse scuole del Comprensivo sono stati, inoltre, coinvolti nella stesura di un tema attraverso il quale dovranno sottolineare le proprietà e i benefici dei due prodotti. Il migliore sarà pubblicato nel mensile redatto dai giovani del Servizio civile.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Nicotera, gli alunni dell’Itis in Tribunale per simulare un vero processo

“Mettere in atto metodi e strumenti volti a rivedere e delimitare modelli educativi e relazioni inter-generazionali nei confronti di adolescenti che, spesso, si trovano a vivere dimensioni esperienziali dove il confine tra legalità e illegalità, giusto e ingiusto, reale e virtuale, appare sempre più confuso e labile”. E’ l’obiettivo che…

Leggi tutto »

Oggi l’incontro a Catanzaro tra Adolfo Valente e Diego Bouchè per scongiurare le classi “pollaio” alla Media di Nicotera

Si svolgerà questa mattina il richiesto incontro tra il commissario prefettizio Adolfo Valente e il direttore generale dell’ufficio scolastico regionale, Diego Bouchè, per cercare di annullare l’atto amministrativo disposto dall’Ambito territoriale di Vibo Valentia che ha previsto per la scuola Secondaria di I grado, l’accorpamento in due classi delle tre Terze…

Leggi tutto »