MediterraneiNews.it

Catalogna, vittoria risicata per i partiti indipendentisti.

Le elezioni di ieri in Catalogna – regione spagnola dove sono molto forti le spinte indipendentistiche – rischiano di accentuare i problemi invece che di appianare le divisioni. A scrutinio ormai concluso infatti, l’elettorato catalano che massicciamente si è recato alle urne (81% d affluenza, sette punti in più rispetto alle passate elezioni) è praticamente spaccato in due. Ma andiamo con ordine.

1) Gli indipendentisti – i tre partiti Esquerra Republicana-Catalunya Sí (ERC-CatSí), Junts per Catalunya (JUNTSxCAT), Candidatura d’Unitat Popular (CUP) – hanno ottenuto 70 dei 135 seggi dell’assemblea regionale catalana. Hanno quindi la maggioranza – peraltro risicatissima, 2 seggi appena – ma sono lontanissimi dai 90 seggi (2/3 dell’aula) che consentirebbero loro di attivare, questa volta legalmente nel rispetto delle leggi spagnole e dello statuto autonomista catalano – un referendum per richiedere l’indipendenza. Da sottolineare inoltre che ERC e la CUP sono su posizioni di sinistra mentre JUNTAxCAT è su posizioni di destra.

2) La somma dei voti delle formazioni nazionaliste si ferma attorno al 47% dei voti. Segno quindi che l’indipendentismo è molto sentito in questa parte della Spagna. Ma è anche vero che i partiti che si riconoscono nello stato spagnolo –  Partit dels Socialistes de Catalunya (PSC), Ciutadans-Partido de la Ciudadanía (C’s) e Partit Popular/Partido Popular (PP) – totalizzano il 42% delle preferenze, mentre Catalunya en Comú-Podem (CatComú-Podem) (7.5% dei voti) ha una posizione ambigua in merito alla questione indipendenza si, indipendenza no. Inoltre il primo partito in assoluto della regione è proprio l’antindependentista Ciutadans-Partido de la Ciudadanía (C’s).

3) L’impressione degli osservatori è quindi quella che in Catalogna vi siano in realtà due fortissime minoranze politico elettorali che però si equivalgono e si elidono a vicenda.

4) I risultati in dettaglio vedono primo partito – come dicevamo – Ciutadans-Partido de la Ciudadanía (C’s) con il 21.4% e 37 seggi (+12). Seguono le due formazioni indipendentiste Junts per Catalunya (JUNTSxCAT) con il 21.6% e 34 seggi (+3) e Esquerra Republicana-Catalunya Sí (ERC-CatSí), con il 21.4% e 32 seggi. Molto distanziato in quarta posizione il Partit dels Socialistes de Catalunya (PSC) con il 13.9% dei voti e 17 seggi (+1). A seguire  Catalunya en Comú-Podem (CatComú-Podem) con il 7.5% dei consensi e 8 seggi (-3), Candidatura d’Unitat Popular (CUP) con il 4.5% e 4 seggi (-6) e il Partit Popular/Partido Popular (PP) con il 4.2% e 3 seggi (-8 seggi).

5) Con questi numeri le maggioranze possibili sono solo tre: la prima è la riedizione dell’accordo tripartito tra i partiti indipendentisti ma non è detto che dopo il pessimo risultato ottenuto, quelli di Candidatura d’Unitat Popular (CUP) vogliano ripetere l’esperienza. Quasi impossibile poi il secondo scenario con una maggioranza formata da partiti di destra – indipendentisti e pro-Madrid -(Ciutadans-Partido de la Ciudadanía – Junts per Catalunya – Partit Popular/Partido Popular) –  visto il braccio di ferro dei mesi scorsi. Resta in piedi quindi solo un ipotesi alternativa e cioè una coalizione tripartita tra Ciutadans-Partido de la Ciudadanía,  Esquerra Republicana-Catalunya Sí e Partit dels Socialistes de Catalunya che avrebe 86 seggi. PSC e ERC in passato hanno governato insieme ma un abbraccio con un partito come Ciutadans potrebbe – sic stantibus rebus – essere interpretato dalla base di ERC come un tradimento.

Insomma da domani in Spagna la partita – forse dovremmo dire la corrida – ricomincia. Saggezza vorrebbe che ci si mettesse a discutere e trovare un punto di convergenza prima che si possano aprire scenari violenti come quello che per decenni ha insanguinato i Paesi Baschi.

 

 

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Cosa dobbiamo aspettarci dall’era Trump?

“Io solennemente giuro che eseguirò, fedelmente l’ufficio di Presidente degli Stati Uniti e, come meglio sono capace, preserverò, proteggerò e difenderò, la Costituzione degli Stati Uniti d’America (e che Dio mi aiuti ma quest’ultimo capoverso non è obbligatorio)”. Così, con questa formula semplice, ma efficace, Donald Trump, al pari dei suoi…

Leggi tutto »

In Germania accordo tra imprese e sindacati per la settimana lavorativa di 28 ore.

Un accordo destinato a diventare una pietra miliare nel mondo del lavoro e delle imprese. E’ questo – in sintesi – il commento di molti analisti e commentatori tedeschi e non solo, riguardo all’importante accordo raggiunto in queste ore sulla settimana lavorativa di 28 ore. L’accordo è stato siglato nel…

Leggi tutto »