MediterraneiNews.it

Catalogna, vittoria risicata per i partiti indipendentisti.

Le elezioni di ieri in Catalogna – regione spagnola dove sono molto forti le spinte indipendentistiche – rischiano di accentuare i problemi invece che di appianare le divisioni. A scrutinio ormai concluso infatti, l’elettorato catalano che massicciamente si è recato alle urne (81% d affluenza, sette punti in più rispetto alle passate elezioni) è praticamente spaccato in due. Ma andiamo con ordine.

1) Gli indipendentisti – i tre partiti Esquerra Republicana-Catalunya Sí (ERC-CatSí), Junts per Catalunya (JUNTSxCAT), Candidatura d’Unitat Popular (CUP) – hanno ottenuto 70 dei 135 seggi dell’assemblea regionale catalana. Hanno quindi la maggioranza – peraltro risicatissima, 2 seggi appena – ma sono lontanissimi dai 90 seggi (2/3 dell’aula) che consentirebbero loro di attivare, questa volta legalmente nel rispetto delle leggi spagnole e dello statuto autonomista catalano – un referendum per richiedere l’indipendenza. Da sottolineare inoltre che ERC e la CUP sono su posizioni di sinistra mentre JUNTAxCAT è su posizioni di destra.

2) La somma dei voti delle formazioni nazionaliste si ferma attorno al 47% dei voti. Segno quindi che l’indipendentismo è molto sentito in questa parte della Spagna. Ma è anche vero che i partiti che si riconoscono nello stato spagnolo –  Partit dels Socialistes de Catalunya (PSC), Ciutadans-Partido de la Ciudadanía (C’s) e Partit Popular/Partido Popular (PP) – totalizzano il 42% delle preferenze, mentre Catalunya en Comú-Podem (CatComú-Podem) (7.5% dei voti) ha una posizione ambigua in merito alla questione indipendenza si, indipendenza no. Inoltre il primo partito in assoluto della regione è proprio l’antindependentista Ciutadans-Partido de la Ciudadanía (C’s).

3) L’impressione degli osservatori è quindi quella che in Catalogna vi siano in realtà due fortissime minoranze politico elettorali che però si equivalgono e si elidono a vicenda.

4) I risultati in dettaglio vedono primo partito – come dicevamo – Ciutadans-Partido de la Ciudadanía (C’s) con il 21.4% e 37 seggi (+12). Seguono le due formazioni indipendentiste Junts per Catalunya (JUNTSxCAT) con il 21.6% e 34 seggi (+3) e Esquerra Republicana-Catalunya Sí (ERC-CatSí), con il 21.4% e 32 seggi. Molto distanziato in quarta posizione il Partit dels Socialistes de Catalunya (PSC) con il 13.9% dei voti e 17 seggi (+1). A seguire  Catalunya en Comú-Podem (CatComú-Podem) con il 7.5% dei consensi e 8 seggi (-3), Candidatura d’Unitat Popular (CUP) con il 4.5% e 4 seggi (-6) e il Partit Popular/Partido Popular (PP) con il 4.2% e 3 seggi (-8 seggi).

5) Con questi numeri le maggioranze possibili sono solo tre: la prima è la riedizione dell’accordo tripartito tra i partiti indipendentisti ma non è detto che dopo il pessimo risultato ottenuto, quelli di Candidatura d’Unitat Popular (CUP) vogliano ripetere l’esperienza. Quasi impossibile poi il secondo scenario con una maggioranza formata da partiti di destra – indipendentisti e pro-Madrid -(Ciutadans-Partido de la Ciudadanía – Junts per Catalunya – Partit Popular/Partido Popular) –  visto il braccio di ferro dei mesi scorsi. Resta in piedi quindi solo un ipotesi alternativa e cioè una coalizione tripartita tra Ciutadans-Partido de la Ciudadanía,  Esquerra Republicana-Catalunya Sí e Partit dels Socialistes de Catalunya che avrebe 86 seggi. PSC e ERC in passato hanno governato insieme ma un abbraccio con un partito come Ciutadans potrebbe – sic stantibus rebus – essere interpretato dalla base di ERC come un tradimento.

Insomma da domani in Spagna la partita – forse dovremmo dire la corrida – ricomincia. Saggezza vorrebbe che ci si mettesse a discutere e trovare un punto di convergenza prima che si possano aprire scenari violenti come quello che per decenni ha insanguinato i Paesi Baschi.

 

 

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

L’attentato di Berlino: storie e profili diversi e consigli per una nuova fase dell’accoglienza ai migranti.

L’Attentato di Berlino segna purtroppo questo Natale con il colore rosso del sangue di – almeno fino ad oggi – dodici vittime innocenti. La Germania, il paese che ha più accolto rifugiati e stranieri, in termini numerici assoluti, si trova a dover fare i conti con il terrorismo internazionale. Tre…

Leggi tutto »

La Cina potrebbe ancora una volta sostituire la Russia come principale avversario degli Stati Uniti?

Sotto Trump, la Cina potrebbe ancora una volta sostituire la Russia come principale avversario degli Stati Uniti 15 Novembre 2016 SERGEI STROKAN , MAXIM YUSIN , KOMMERSANT Fonte www.rbth.com Il cambiamento imminente nella politica statunitense modificherà i rapporti di Washington con il mondo, con le promesse di Donald Trump per ottenere…

Leggi tutto »