MediterraneiNews.it

Vibonese, Carabinieri, Finanza, Capitaneria di Porto e Polizie Locali insieme contro la contraffazione e l’abusivismo commerciale

I militari dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Capitaneria di Porto di Vibo Valentia e gli agenti delle Polizie Locali dei vari comuni interessati, hanno posto in essere una massiccia serie di controlli finalizzati a contrastare il fenomeno dell’abusivismo commerciale e della contraffazione così come fatto anche negli scorsi anni.

Le operazioni, intensificate progressivamente dall’inizio dello scorso mese con il supporto dei Reparti Speciali dei Carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità, del Nucleo Ispettorato del Lavoro e dei  Carabinieri forestali, sono culminate nella giornata odierna ricca di servizi congiunti, in aderenza alla circolare del Ministro dell’Interno dello scorso 6 luglio che ha indicato la necessità di imprimere a livello nazionale ulteriore impulso al contrastato di questi fenomeni specie nel periodo estivo caratterizzato dal notevole incremento del flusso turistico nelle località balneari e nei centri d’attrazione.

I servizi interforze hanno permesso di colpire punti strategici ad alta intensità dove maggiore è la presenza di condotte illegali. L’incisività delle verifiche, soprattutto in virtù  delle particolari competenze tecniche delle varie forze di polizia intervenute, hanno consentito di ottenere risultati importanti quantificabili in circa 80mila euro di sanzioni amministrative elevate ed 10 denunce in stato di libertà.

Tutto il territorio provinciale è stato teatro delle operazioni e nello specifico:

–     nell’area di Vibo Valentia l’attenzione è stata rivolta principalmente alla zona litoranea che si estende da Briatico fino alla Località Marinella di Pizzo, controllando decine di commercianti, principalmente abusivi, elevando numerose sanzioni amministrative e deferendo alcuni soggetti per la vendita di capi firmati contraffatti. I controlli sono proseguiti anche durante i mercati settimanali arrivando anche in questo caso a contestare numerose irregolarità in materia di vendita e conservazione dei cibi;

–     nell’area di Tropea i controlli si sono concentrati sugli stabilimenti balneari che si estendono da Tropea fino a Nicotera Marina elevando sanzioni amministrative per diverse migliaia di euro oltre a deferire alcuni commercianti abusivi;

–     nell’area di Serra San Bruno, caratterizzata da territorio montano, l’azione di controllo si è svolta principalmente sui mercati settimanali arrivando anche qui ad elevare svariate sanzioni per importi di alcune migliaia di euro.

Fra le varie denunce all’Autorità Giudiziaria, scattate durante i controlli sulle spiagge e sui  litorali, dimostratisi se non controllati luoghi privilegiati per l’esercizio di professioni e commerci illegali, singolare è stata quella per  atti osceni in luogo pubblico. A Briatico infatti, proprio mentre erano in corso i citati controlli, su segnalazione di  alcuni bagnanti presenti in spiaggia, è stato identificato un cittadino italiano, classe ’82, di Vibo Valentia che, in evidente stato di ebrezza, vagava seminudo per le spiagge della Località Trainiti (a confine fra i comuni di Briatico e Vibo Valentia) non curante della presenza anche di famiglie con bambini. Quest’ultimo, una volta fatto rivestire, è stato allontanato dalla spiaggia e condotto presso il vicino Comando Stazione Carabinieri per essere denunciato in stato di libertà.

L’iniziativa, con i risultati raggiunti, ha segnato un ulteriore importante contributo concreto alla lotta all’illegalità economica che spesso finisce con l’incidere direttamente sulla salute e la sicurezza dei cittadini e che sicuramente danneggia immediatamente l’imprenditoria sana e legale del territorio.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

I bambini dello “Scardamaglia-Longo” festeggiano la Pasqua

Una giornata di festa e di fede per tutti i bambini della scuola dell’Infanzia “Scardamaglia – Longo” impegnati nella celebrazione del precetto pasquale. Per la buona riuscita dell’iniziativa si sono attivate le maestre Francesca Polito, Lucia Stilo, Antonella Arcuri,  Maria Giovanna Famà e Cate4rina Castagna Caterina, nonché le collaboratrici Rosa…

Leggi tutto »

Movimento 14 luglio: “Trent’anni di mare sporco, ora basta!” L’associazione presenta un esposto ai Carabinieri

“Col mare noi nasciamo e dal mare dipendiamo, risolviamo una volta per tutte la questione mare sporco”. Vanno avanti i componenti del Movimento 14 luglio e, proprio questa mattina, a difesa del mare una delegazione ha presentato un esposto al comando dei Carabinieri della Marina, circostanziato nei rilievi e corredato da…

Leggi tutto »