MediterraneiNews.it

La Flat Tax, ovvero la tassa piatta del sistema fiscale ad aliquota fissa.

Uno dei principali provvedimenti della Legge di bilancio 2019 è l’introduzione della FLAT TAX ” la tassa piatta” Il sistema di flat tax è stato introdotto con la speranza di stimolare la crescita ed inoltre semplificare il sistema rispetto a modelli con più aliquote La Flat Tax è un sistema fiscale caratterizzato da un’aliquota fissa, non progressiva.  La misura introdotta dal Governo con la Legge di Bilancio 2019, prevede due aliquote, al 15% ed al 20%, la prima per le Partite IVA e la seconda per le imprese. Nel primo caso si innalzano i tetti di accesso, portando la soglia dei ricavi a 65mila euro. Nel secondo, si introduce un secondo scaglione per i ricavi tra 65mila e 100mila euro, a partire dal 2020. È poi previsto un sistema di deduzioni e detrazioni per garantire la progressività delle imposte.

La flat tax, infatti, altro non è se non un’imposta sul reddito con aliquota unica, resa progressiva da una deduzione (cioè da una riduzione dell’imponibile) o da una detrazione (che si traduce in una riduzione dell’imposta) concessa a tutti i contribuenti. Secondo i sostenitori di questa forma d’imposizione fiscale la flat tax è una maniera efficace per sostenere il ceto medio e creare una sostanziale equità contributiva da parte di tutti  inoltre, sostenendo che una maggiore semplicità fiscale e un’aliquota più bassa favoriscono l’emersione del sommerso e rappresentano uno sprone a investimenti che finiscono per aumentare il gettito fiscale complessivo

I detrattori, invece, ritengono che tassare nello stesso modo i ricchi e i poveri sia tutt’altro che equo e che, invece, la tassazione a scaglioni di reddito (come quella in vigore in Italia) sia migliore.  In tutto questo, è riemersa la parola ‘progressività’. l’articolo 53 della Costituzione recita: l’imposta che i cittadini, anche apolidi e stranieri, sono tenuti a versare è proporzionale all’aumentare della loro possibilità economica. Cioè, cresce con il crescere del reddito: è il meccanismo secondo cui chi possiede e guadagna di più, deve pagare più tasse allo Stato, che poi sarà responsabile di redistribuirle nella società, attivando servizi, anche per le classi meno abbienti. In questo senso – è la prima critica che muovono i detrattori – la flat tax non è una tassa progressiva, la percentuale è uguale indipendentemente dal reddito della famiglia o dell’impresa a cui è applicata.  Detto ciò, la flat tax non è incompatibile con la Costituzione. A patto che ovviamente vengano mantenuti e rafforzati una serie di misure per renderla ‘progressiva’. Alcune di queste misure sono una no tax area che salvaguardi i redditi più bassi (attualmente questo limite è fissato a 8.174 euro, ma potrebbe essere alzato) e un sistema di detrazioni fiscali che premi le classi di reddito inferiori. Dal punto di vista tecnico, infatti, è possibile che un sistema di imposizione sui redditi ad aliquota unica venga caratterizzato dai seguenti elementi:

  • una no tax area che salvaguardi i redditi più bassi. A questo proposito, attualmente la no tax area è fissata ad euro 8.174.
  • un sistema di detrazioni fiscali che sia concentrato sulle fasce di reddito inferiori ad una certa soglia;
  • un sistema di deduzione fiscali fissato in modo tale che l’aliquota marginale sui redditi sia superiore all’aliquota media.

Di conseguenza, anche un sistema fiscale con flat tax o tassa piatta ad aliquota unica sui redditi può essere progressivo e tuttavia, senza la progressività favorirà alcune categorie di gran lunga maggiore rispetto alla media dei contribuenti italiani e verrebbe a mancare l’equità.

di Giuseppe Arfuso, già dirigente dell’ Agenzia delle Entrate,

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

La Guardia Costiera rilancia l’operazione “Mare sicuro 2017”

Da oggi, come ogni anno nel periodo estivo, si intensifica lo sforzo operativo della Guardia Costiera che vedrà impegnati, per la stagione 2017, circa 3mila uomini e donne, oltre trecento mezzi navali e 15 mezzi aerei lungo tutti gli 8mila chilometri di coste italiane, nonché sul Lago di Garda e…

Leggi tutto »

Michele Lico (Camera di Commercio): Vogliamo una Calabria libera di decidere e di fare impresa

Mafia e corruzione: sono questi i due seri ostacoli allo sviluppo economico non solo del Vibonese, ma dell’intera Calabria. Una Calabria fatta da gente onesta e operosa che non bacia le mani, che non si inchina e che si ritrova nella sala convegni della Camera di Commercio per rafforzare la…

Leggi tutto »