MediterraneiNews.it

La Guardia di Finanza celebra i suoi 245 anni di attività al servizio del Paese. I festeggiamenti a Vibo Marina

La Guardia di Finanza compie 245 anni. Le prime celebrazioni hanno preso il via già a partire dalla mattina del 20 giugno quando il Comandante Generale, Gen. C.A. Giuseppe Zafarana, il Comandante in Seconda, Gen. C.A. Edoardo Valente e il Presidente dell’Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia (ANFI), Gen. C.A. Umberto Fava, hanno deposto a Roma una corona di alloro al Monumento al Finanziere di Largo XXI Aprile.

Subito dopo, l’Autorità di Vertice del Corpo, il Comandante in Seconda e il Capo di Stato Maggiore del Comando Generale, Gen. C.A. Umberto Sirico, hanno reso omaggio al Sacrario della Guardia di Finanza dedicato alla memoria dei Caduti del Corpo, nella Caserma Sante Laria di Piazza Armellini.
Ma è la mattina del 21 giugno che i festeggiamenti sono entrati nel vivo con l’inizio della tradizionale cerimonia militare, organizzata anche quest’anno a Roma, presso la struttura polifunzionale del Centro Logistico Sportivo di Villa Spada. Presenti, tra le Autorità, il Presidente del Senato, Senatrice Avvocato Maria Elisabetta Alberti Casellati, e
il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Prof. Giovanni Tria.

Più di due secoli di storia quelli celebrati. Secoli che hanno visto protagonista la Guardia di Finanza e che questa mattina sono stati idealmente ripercorsi per ricordare le innumerevoli opere compiute e gli straordinari traguardi raggiunti da tutti i Finanzieri d’Italia.

Tra questi, i risultati conseguiti nella costante lotta al fenomeno illecito del contrabbando, delicato compito istituzionale svolto dalle Fiamme Gialle sin dalle origini. Ed è proprio per “aver assicurato in un secolo e mezzo di storia patria una costante e diuturna lotta al contrabbando” che il Presidente della Repubblica ha inteso conferire alla Bandiera di Guerra del Corpo la Medaglia d’Oro al Valore della Guardia di Finanza; onorificenza oggi apposta materialmente sul vessillo da parte del Presidente del Senato. Hanno preso poi la parola, nell’ordine, il Ministro Tria e la Senatrice Casellati.

Terminata l’allocuzione della massima Autorità, sono state consegnate alcune ricompense individuali di ordine morale agli appartenenti al Corpo che si sono particolarmente distinti nel corso di attività di servizio.
È stato concesso un encomio solenne a quattro militari, il Capitano Marco Carrozzino, il Maresciallo Aiutante Gerardo Fattoruso, il Maresciallo Ordinario Roberto Lupo e il Maresciallo Ordinario Alessandro Bassi per le complesse indagini svolte nei confronti di società affiliate ad un gruppo multinazionale.
È stato poi il turno del Luogotenente Carmine Grazioli, del Maresciallo Ordinario Errico Baldino, del Maresciallo Ordinario Nicola Polcino e dell’Appuntato Scelto Giancarlo Lillo, premiati per le investigazioni condotte nei confronti di persone sospettate di rappresentare gli interessi economici di una cosca “mafiosa” operante nel capoluogo siciliano.
Encomio solenne anche per il Tenente Tommaso Napolitano, il Maresciallo Ordinario Mare Bruno Mangraviti, il Brigadiere Capo Mare Giovanni Testa e il Finanziere Scelto Mare Rolando Spinola per aver intercettato, quali appartenenti a un pattugliatore in forza al Gruppo Aeronavale di Messina, un’imbarcazione coinvolta in un traffico internazionale di sostanze stupefacenti via mare.
È stata poi la volta del Tenente Colonnello Andrea Bello, del Luogotenente Maurizio Remediani, del Maresciallo Aiutante Luigi Carnevale e del Maresciallo Aiutante Marco Petroccia, ricompensati con encomio solenne per avere ideato ed elaborato una specifica attività di analisi e un correlato piano di controlli per il contrasto delle frodi in danno al bilancio dell’Unione europea.

Tra gli applausi del pubblico, ha sfilato l’autocarro Fiat 508 “cassonato”. L’automezzo, adottato dal Corpo nel 1935 con l’istituzione del Servizio Automobilistico della Regia Guardia di Finanza, fu impiegato per il trasporto di materiali sia sul territorio nazionale che nelle colonie.
Sullo sfondo dello schieramento, due elicotteri che abbracciano ben 65 anni di storia: un esemplare di Agusta Bell AB47 J3 Super Ranger, tra i primi a entrare in servizio, e il nuovissimo e performante AW169 M, quello che oggi rappresenta l’esempio di più moderna concezione nel settore elicotteristico mondiale. Un concentrato di tecnologia per la sicurezza e per l’investigazione dall’alto.
Non solo. Alzando lo sguardo, gli spettatori hanno potuto assistere al suggestivo sorvolo di una formazione di elicotteri composta da due A109 NEXUS e da un AB412. Si tratta di velivoli che, per oltre vent’anni, volando anche a grande distanza dalla costa, di giorno e di notte, hanno contribuito a rendere più sicura la Nazione. A raggiungerli, un elicottero AW139 che, dopo una virata di oltre 180 gradi, ha reso omaggio, dall’alto, alla massima Autorità porgendo un “inchino” sospeso nel cielo. La cerimonia si è conclusa con gli onori finali al Presidente del Senato.

Ma le celebrazioni della ricorrenza anniversaria non sono terminate qui.Nel pomeriggio dello stesso giorno, infatti, il Presidente della Repubblica ha ricevuto in udienza il Comandante Generale della Guardia di Finanza.

Infine, dal 20 al 22 giugno u.s., gli allievi della Scuola Ispettori e Sovrintendenti de L’Aquila hanno assicurato il servizio della Guardia d’Onore all’Altare della Patria e al Palazzo del Quirinale dove, il 21 giugno u.s., hanno preso il loro posto i cadetti dell’Accademia di Bergamo. Il cambio della Guardia è stato accompagnato dalle solenni note eseguite da un complesso ridotto della Banda musicale del Corpo.
I festeggiamenti di celebrazione del 245° anniversario di fondazione della Guardia di Finanza sono proseguiti a livello provinciale nella mattinata odierna, presso la caserma demaniale “Giuseppe Vizzari”, nella frazione Vibo Marina, ove si è tenuta una cerimonia di carattere interno, con la partecipazione di una rappresentanza del personale dipendente alla sede, composta da Ufficiali, Sottufficiali, Appuntati e Finanzieri del Comando Provinciale di Vibo Valentia e dei Reparti dipendenti (Nucleo di polizia economico-finanziaria di Vibo Valentia, Gruppo di Vibo Valentia e Tenenza di Tropea), del Comando Operativo Aeronavale di Vibo Valentia e della dipendente Stazione Navale di Vibo Valentia.

Era altresì presente una delegazione del personale in congedo della locale Sezione A.N.F.I. (Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia). Il Comandante Provinciale, Col. Roberto Prosperi, unitamente al Comandante del Reparto Operativo Aeronavale, Ten. Col. Alberto Catone, ha presieduto alla cerimonia.
Dopo la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica, dell’Ordine del Giorno del Comandante Generale, il Comandante Provinciale ha tenuto un breve discorso al personale in servizio ed in congedo e ha proceduto alla consegna di alcune ricompense di ordine morale, per lodevole comportamento e particolare rendimento in servizio,
concesse dalla superiore gerarchia ad alcuni militari in forza ai Reparti schierati.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

80mila euro per l’assistente personale ai disabili.

L’assessorato alle Politiche sociali, guidato dall’assessore Lorenza Scrugli aveva presentato un progetto in materia di “Vita indipendente e inclusione nella società delle persone con disabilità”. Adesso quel progetto è stato finanziato con un contributo di 80mila euro, ed è una bella soddisfazione in quanto, solo 8 comuni in tutta la regione,…

Leggi tutto »

Gandolfini (Family Day): Il vergognoso silenzio sull’aborto fino al nono mese è tragico segno di una perversione delle coscienze

Nel silenzio totale della grande stampa e della TV, ieri si è scritto un nuovo tragico capitolo della nefasta battaglia contro la vita nascente: il governo federale dello Stato di New York ha legalizzato l’aborto fino al giorno prima della nascita. Il solo pensiero dell’applicazione di questa barbara legge fa…

Leggi tutto »