Crisi di governo. Il "Puparo di Arcore".
Crisi di governo. Il "Puparo di Arcore".

MediterraneiNews.it

Crisi di governo. Il “Puparo di Arcore”.

Pino Macino, da Pupari & Pupi
Ho assistito in diretta TV alla seduta del Senato di ieri. Ho prestato molta attenzione, soprattutto, all’intervento del Rozzo. Certo non è stata una seduta memorabile. Nessuna dichiarata consapevolezza della gravità della situazione….discorsi di una banalità sconcertante. Il Bagnino d’Italia ha fatto ancora e soltanto campagna elettorale….Ma era evidente il suo imbarazzo e la sua difficoltà…sapendo che stava perdendo “corda e capra”. Non immaginava proprio che vi fosse per lui una possibilità di sconfitta…che lo riportasse sulla terra con il suo miserabile 17% che è il solo che conta in una democrazia parlamentare…..17% di un corpo elettorale che  al 50% aveva disertato le urne. Ma non si è trovato solo…ha riscoperto l’appartenenza ad un centro destra che, complessivamente aveva perso le elezioni. Penso che abbia anche pensato che…a furia di stare con quel cazzone di Di Maio si era ingrassato….e che a continuare a starci si sarebbe ingrassato ancora. E perchè non lo ha fatto ? Poi, finalmente, ci è arrivato. Non è stato lui a staccare la spina al Governo. E’ stato Berlusconi e le sue sirene. Lo ha portato, blandendolo sul suo destino immediato di Uomo della Provvidenza. E lo ha portato nell’abisso. Ancora una volta ha vinto lui, il Puparo di Arcore. Non lo ammetterà mai ma è stato così. Meno male che Silvio c’è.
Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Non è ancora giunta la Mezzanotte e, in Calabria, la Polizia di Stato sequestra fuochi d’artificio illegali

Un’operazione per contrastare la vendita di botti illegali è stata conclusa, in queste ore, dalla Polizia di Crotone, Cosenza e Catanzaro. Due quintali di fuochi d’artificio illegali sono stati sequestrati in distinti interventi dagli agenti della Questura di Crotone nell’ambito del contrasto alla vendita di materiale pirotecnico vietato. Per i reati…

Leggi tutto »

Vibo. Festa speciale alla prof. 88enne, Giovanna Mancini, con la benedizione di papa Francesco. raccolta fondi per la Fondazione San Vincenzo de Paoli

 Non accade tutti i giorni e forse per questo giova raccontare la piccola ma significativa pagina di storia di una insegnante di matematica in pensione, discendente da una famiglia signorile vibonese, che all’età di 88 anni, scrive a Papa Francesco per chiedere la benedizione e ricevere il sacramento della Estrema…

Leggi tutto »
Crisi di governo. Il "Puparo di Arcore".