Gioia Tauro, il coordinamento "Bandiera blu per il Golfo" riunisce le rappresentanze comunali del territorio
Gioia Tauro, il coordinamento "Bandiera blu per il Golfo" riunisce le rappresentanze comunali del territorio

MediterraneiNews.it

Gioia Tauro, il coordinamento “Bandiera blu per il Golfo” riunisce le rappresentanze comunali del territorio

Si è svolta, presso l’aula consiliare del comune di Gioia Tauro, su iniziativa del Coordinamento “Bandiera blu per il Golfo”, alla presenza delle rappresentanze comunali di Joppolo, Nicotera, San Ferdinando, Gioia Tauro e Palmi, l’assemblea delle associazioni da anni impegnate nella difesa del mare, dell’ambiente e dei singoli cittadini.

Presenti all’incontro, con le rappresentanze del coordinamento e numerosi liberi cittadini, per il comune di Joppolo il sindaco Carmelo Mazza, per il comune di Nicotera l’assessore alla cultura Giuseppe Leone, per il comune di San Ferdinando il vice sindaco Luca Gaetano , per il comune di Gioia Tauro il vice sindaco Valerio Romano, per il comune di Palmi l’assessore con delega all’ambiente Alessia Avventuroso; assenti giustificati per precedenti impegni istituzionali, il sindaco di Ricadi Giulia Russo, il sindaco di Rosarno Giuseppe Idà e il sindaco di Seminara Carmelo Antonio Arfuso. Assente il sindaco di Candidoni, Vincenzo Cavallaro pur se invitato.

Nel radicato convincimento che un simile ed impegnativo percorso non possa assolutamente prescindere dal pieno e convinto coinvolgimento dei primi cittadini dell’area interessata, questo primo incontro con le amministrazioni locali del comprensorio costiero, è stato programmato con l’obiettivo di presentare ai sindaci il nuovo soggetto e per grandi linee il progetto che il coordinamento intende portare avanti, quindi, registrare la disponibilità dei sindaci ad aderire stabilmente al percorso insieme al coordinamento e programmare un tavolo tecnico permanente, ritenuto primo ed efficace strumento collaborativo, che sulla base dei dati tecnici già disponibili e di quelli che si renderanno disponibili anche presso gli uffici tecnici dei comuni, acquisisca un quadro conoscitivo dettagliato delle criticità dell’intero territorio ed elabori delle strategie condivise prefigurando interventi risolutivi delle varie problematiche ambientali in atto.

E’ stato, altresì, dichiarato necessario un tavolo aperto ad altri e diversi contributi, ogni qualvolta si riterrà necessario far intervenire soggetti politico – amministrativi ed esperti nel campo delle problematiche ambientali.

Il confronto che si è sviluppato in assemblea è stato vivace, e per molti versi appassionato, ed ha registrato la convinta ed entusiastica adesione dei sindaci o loro rappresentanti. Prospettato nel corso dell’assemblea il percorso delineato, è emersa dalle rappresentanze istituzionali la dichiarata disponibilità a fornire i dati ambientali a loro disposizione.

In questa prima fase, si è affermato da più parti che è necessario operare per:

• definire l’organizzazione e la struttura del tavolo, che si vuole aperto ad ogni apporto utile, e itinerante, affinché siano resi partecipi i cittadini dei centri costieri interessati;
• costruire un metodo di lavoro condiviso;
• delineare una mappa del percorso iniziando a tracciare, a partire dalle varie criticità esistenti, i possibili interventi risolutivi.

Il coordinamento si è costituito il 4 ottobre scorso in seno all’assemblea costituente conclusasi con la condivisione della Carta costitutiva sottoscritta da numerose associazioni e liberi cittadini che hanno convintamente aderito al nuovo soggetto, con un ambizioso obiettivo che il nascente coordinamento si è dato per l’intero comprensorio a cavallo tra le province di Vibo Valentia e Reggio Calabria,  emblematicamente condensato nel conseguimento della “Bandiera Blu” per il Golfo di Gioia Tauro, ambito traguardo da perseguire attraverso azioni tese a coinvolgere e indirizzare la politica locale del territorio verso un processo di piena sostenibilità ambientale con prioritario riferimento alla tutela del diritto alla salute e per uno sviluppo economico legato al turismo responsabile ed eco-sostenibile.

Le associazioni aderenti al Coordinamento:
Tavolo tecnico di tutela ambientale – Gioia Tauro
Associazione “Città Futura” – Gioia Tauro
Associazione “Fogghi di Luna” – Palmi
Associazione “Le Farfalle della Speranza” – Gioia Tauro
Associazione “Movimento “14 luglio” – Nicotera
Associazione “Osservatorio Ambientale Iride” – Gioia Tauro
Associazione “ProSalus” – Palmi
Associazione Turistica “Tonnara” – Palmi
Circolo Armino – Palmi
Comitato “7 agosto” – San Ferdinando
Comitato Quartiere “Pietre Nere” – Palmi
Comitato Quartiere “Contrada Romeo” – Palmi
Legambiente – Cittanova
Liberi cittadini.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Nicotera, Il Sud che sogna si ritrova nell’assemblea regionale

Si svolgerà questo pomeriggio, alle 18, presso la sala consiliare del Comune, la prima assemblea regionale de “Il Sud che sogna”, il nuovo gruppo che si pone come opzione politica e culturale l’obiettivo di “riscrivere il lessico della solidarietà e del contrasto alle diseguaglianze e di organizzare un’offensiva alle politiche…

Leggi tutto »

Nicotera, genitori più tranquilli: assegnati due accompagnatori sugli scuolabus comunali

La terna commissariale aderirà, su proposta dell’associazione no profit “Giovani per l’Europa”, al programma “Erasmus plus”, al fine di garantire il servizio di accompagnatore sui due scuolabus comunali destinati agli alunni delle scuole primaria e media (come già annunciato nell’articolo https://mediterraneinews.it/2018/01/19/nicotera-comune-aderisce-al-programma-erasmus-plus-garantire-servizio-accompagnatore-sugli-scuolabus). Il servizio non comporterà oneri finanziari per il Comune, ma…

Leggi tutto »
Gioia Tauro, il coordinamento "Bandiera blu per il Golfo" riunisce le rappresentanze comunali del territorio