Nicotera, il gruppo Movi@Vento chiede la sospensione dei tributi e la convocazione del consiglio comunale
Nicotera, il gruppo Movi@Vento chiede la sospensione dei tributi e la convocazione del consiglio comunale

MediterraneiNews.it

Nicotera, il gruppo Movi@Vento chiede la sospensione dei tributi e la convocazione del consiglio comunale

Adottare con urgenza ogni provvedimento per la totale sospensione del pagamento di ogni tipologia di tributi locali e di ogni atto ad essi riferibile, consequenziale o connesso. E’ l’istanza rivolta al sindaco Giuseppe Marasco dal gruppo consiliare di minoranza Movi@Vento, nonché da Rino Isaia dell’associazione Cambiavento.

“Continuiamo  a raccogliere molteplici segnalazioni di cittadini preoccupati per la notifica di accertamenti, avvisi di pagamento e altre richieste di pagamento per diverse imposte locali – affermano -. La preoccupazione manifestata da essi è di natura procedimentale dovuta alla difficoltà di recarsi oltre che presso l’ufficio tributi per correggere gli errori oggetto degli atti recapitati, presso gli uffici postali o bancari onde provvedere al pagamento, giuste le misure di contenimento del contagio da coronavirus; di natura economica per la diminuzione delle loro entrate dovute alla crisi finanziaria ed imprenditoriale, che lo stesso coronavirus ha già causato”.

Inoltre, considerando che il gruppo consiliare Movi@Vento, al pari del sindaco e degli altri consiglieri comunali, starebbe seguendo con comprensibile apprensione l’evolversi dell’attuale epidemia in Italia e, in particolare, nei territori locali, “così come, dalla pagina istituzionale e dalla stampa – dichiarano Antonio D’Agostino, Maria Adele Buccafusca e Salvatore Pagano – si aggiorna sulle azioni e i provvedimenti assunti dall’amministrazione nicoterese volti in questo momento soprattutto a dare sostegno e sollievo alle fasce più deboli della nostra comunità in collaborazione con le organizzazioni del volontariato. Pur apprezzando tutto ciò che viene messo in campo e consapevoli delle oggettive difficoltà di operare per i numerosi vincoli gravanti sulla mobilità, ciò non pertanto  noi sottoscritti consiglieri riteniamo necessario ed urgente che vengano riattivati ​​gli istituti democratici comunali a partire dal massimo organo che è il consiglio comunale al fine di analizzare la situazione attuale nei suoi vari aspetti utilizzando tutti i canali comunicativi con le altre istituzioni, (Regione, Provincia, Asp ecc.), per scambiarsi informazioni, formulare interrogazioni ed elaborare proposte condivise di intervento, tutte tese ad alleviare nei limiti del possibile i disagi della popolazione che, alla luce delle proroghe che si prospettano per i provvedimenti già emanati, non potranno che aggravarsi”.

Consapevoli delle difficoltà di convocare la massima assise comunale, sia per l’impossibilità di garantire la pubblicità delle sedute, sia per la giustificata assenza attuale della segretaria comunale, il gruppo consiliare di minoranza chiede che si possa quantomeno promuovere un incontro virtuale dei gruppi presenti in Consiglio, utilizzando gli strumenti telematici disponibili che ben stanno già supplendo ai metodi tradizionali, come è dimostrato ogni giorno a tutti i livelli politico-amministrativi.

“Confidiamo pertanto nell’accettazione di questa proposta – concludono -, che riteniamo importante anche dal punto di vista socio-psicologico perché darebbe un segnale di unità e vicinanza alla nostra comunità, mitigandone il senso di solitudine e di spaesamento. Pertanto, pur nel rispetto delle reciproche visioni politiche e amministrative, ma nell’unico interesse del territorio, offriamo la nostra disponibilità ad ogni forma di collaborazione costruttiva attraverso incontri virtuali tra tutti i consiglieri, finalizzati a mettere in campo una strategia condivisa che si traduca in quelle azioni urgenti e indifferibili che verranno insieme individuate”.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Preti coraggio sotto attacco per il loro impegno nel sociale. Solidarietà e vicinanza.

Un vile atto intimidatorio nei confronti di un prete coraggio della periferia di Reggio Calabria. Incendiata l’autovettura del parroco del quartiere Bocale. Nella notte ignoti hanno appiccato il fuoco, mentre era parcheggiata nelle adiacenze della Chiesa dei Santi Cosma e Damiano. Completamente distrutta l’autovettura, nonostante il pronto intervento dei Vigili…

Leggi tutto »

Agrumi, in crisi il settore

Gli agrumicoltori della zona hanno inteso condividere i contenuti delle recenti esternazioni fatte dai vertici di  Confagricoltura, che  lamentano la crisi del settore agroalimentare evidenziando al contempo la necessità di una politica programmatica certa e continua che consenta lo sviluppo di  un settore importante che crea ricchezza e che, però…

Leggi tutto »
Nicotera, il gruppo Movi@Vento chiede la sospensione dei tributi e la convocazione del consiglio comunale