MediterraneiNews.it

La ferrovia silana nell’elenco delle ferrovie turistiche.

Il progetto di Legge (AC.1178-A) “Disposizioni per l’istituzione di ferrovie turistiche mediante il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare pregio naturalistico o archeologico” ha come sue finalità la salvaguardia e la valorizzazzione delle tratte ferroviarie di particolare pregio culturale, paesaggistico e turistico, che comprendono i tracciati ferroviari, le stazioni e le relative opere d’arte e pertinenze, nonché dei mezzi rotabili storici e turistici abilitati a percorrerle, definisce un primo elenco di tratte ferroviarie da valorizzare e le classifica come tratte ad uso turistico.

Questo disegno di legge è stato approvato alla unanimità in prima lettura alla Camera dei Deputati, e tra le tratte da salvaguardare e valorizzare è stata inserita anche la Ferrovia Silana nell’intero tratto da Cosenza-San Giovanni in Fiore.

Soddisfazione è stata espressa dal Comitato per la Salvaguardia della Ferrovia Silana che mediante una petizione popolare che ha raccolto oltre 4 mila firme, aveva chiesto alla Regione Calabria di rispristinare la tratta ferrovia Cosenza- San Giovanni in Fiore e di mettere in atto tutte le misure conseguenti a evitare lo smantellamento della infrastruttura ferroviaria e rilanciare il treno come mezzo di trasporto per collegare il centro silano al capoluogo.

“L’inserimento della Ferrovia Silana nel primo elenco delle ferrovie turistiche è un primo e importante risultato utile a raggiungere gli altri obiettivi che il Comitato per la Salvaguardia della Ferrovia Silana si è posto – si legge in una nota – e per quello che ci riguarda il riconoscimento della tratta silana come ferrovia turistica è solo un primo obiettivo utile a non disperdere il patrimonio pubblico rappresentato dalla infrastruttura ferroviaria, ma quello che continuiamo a chiedere, senza ottenere nessuna risposta da parte della Regione Calabria, è il ripristino della tratta per l’utilizzo di viaggiatori e pendolari durante tutto l’anno anche per ridurre l’isolamento delle aree interne silane. Per noi il Treno della Sila non è una operazione di nostalgia, ma un serio investimento sulla mobilità sostenibile che aiuti in maniera concreta lo sviluppo socio-economico del territorio e riduca i rischi e l’isolamento.”

Ora l’attività del Comitato va avanti e chiede che vengano attuati dalla Regione Calabria, le seguenti misure: 1) non procedere alla chiusura e la sdemanializzazione della tratta ferroviaria Camigliatello Silano – San Giovanni in Fiore, come previsto  dalla delibera della Giunta n.380 del 23 Ottobre 2013; 2)    modificare la delibera n.124 del 8/04/2014 che prevede la dismissione immediata della tratta ferrate San Nicola/Silvana Mansio – San Giovanni in Fiore; 3)    riattivare l’intera tratta ferroviaria Cosenza – San Giovanni in Fiore con la messa in esercizio di un sistema di trasporto ferroviario locale sostenibile; 4)    garantire la manutenzione ordinaria e straordinaria dell’intera tratta, sia a servizio delle comunità locali, sia quale strumento di valorizzazione del turismo natura e del Parco nazionale della Sila; 5)    realizzare un progetto per il recupero della linea ferrata da finanziare con le risorse della Programmazione Comunitaria 2014/2020; 6) promuovere la ferrovia silana e il suo ambito naturalistico all’interno degli itinerari turistici nazionali, e  proporre  la tratta Camigliatello Silano – San Giovanni in Fiore tra le ferrovie d’alta quota da riconoscere quale patrimonio dell’Unesco.

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Tra dieci giorni si terrà la prima udienza relativa al ricorso ex art. 702 c.p.c. presentato dall’ex sindaco Franco Pagano contro la società di riscossione Sogefil. Giovedì 2 febbraio, infatti, davanti al Tribunale di Catanzaro dovrebbero comparire tutte le parti in causa: Comune, Sogefil e membri commissione straordinaria responsabile della…

Leggi tutto »

Via della Seta, Giannuzzi (Blu Calabria): Governo ha deciso di affondare la Calabria con l’esclusione del porto di Gioia Tauro

Da sei anni parlare di Cina, significa parlare esplicitamente o meno, della “Nuova via della seta“. Il “Belt and Road Initiative”, cioè il grande progetto, oppure sarebbe meglio dire il “Sistema” con cui Pechino punta a rilanciare il connubio infrastrutturale e commerciale della grande massa continentale eurasiatica e a realizzare…

Leggi tutto »