MediterraneiNews.it

Guardia di Finanza di Crotone, confisca antimafia di beni immobili, aziende e polizze assicurative per un valore di circa 2,5 milioni di euro

A seguito di indagini patrimoniali coordinate dal Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, dal Procuratore Aggiunto presso la Dda, Vincenzo Luberto e dal Sostituto Procuratore della Dda di Catanzaro, Domenico Guarascio, la Guardia di Finanza di Crotone ha sottoposto a confisca un patrimonio di circa 2,5 milioni di euro, nei confronti di vari esponenti della cosca di ‘ndrangheta della famiglia “Arena” di Isola Capo Rizzuto, già oggetto di sequestro anticipato nel dicembre 2016.

Questa mattina, infatti, le Fiamme Gialle della Compagnia hanno dato esecuzione alla misura di prevenzione sia personale che patrimoniale, emessa dal Tribunale di Crotone, ufficio Misure di prevenzione, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, ai sensi della normativa antimafia, di cui al D. Lgs. 159 del 2011.

Tale normativa si applica a quei soggetti ritenuti, sulla base di elementi di fatto, intranei ad associazioni per delinquere di stampo mafioso. In particolare, le indagini patrimoniali sono state espletate nei confronti di: Nicola Arena classe 1937, Massimo Arena classe 1965, Pasquale Arena classe 1967, Salvatore Arena classe 1991, Francesco Ponissa classe 1960 e Luigi Tarasi classe 1963, condannati a vario titolo, ad esclusione di Pasquale Arena, per i reati di turbata libertà degli incanti, estorsione, usura, caratterizzati dalla circostanza aggravante dell’utilizzo del metodo mafioso.

A tale importante risultato i Finanzieri calabresi sono pervenuti ponendo in essere complesse ed articolate indagini di polizia giudiziaria ed economico finanziaria espletate attraverso un capillare controllo economico del territorio, effettuato mediante pedinamenti, osservazioni, nonché accertamenti bancari e l’incrocio delle informazioni acquisite con i dati rilevati dalle banche dati in uso al Corpo della Guardia di Finanza.

Nello specifico, l’esecuzione del provvedimento da parte delle Fiamme Gialle calabre ha portato sia all’applicazione della misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, nei confronti dei soggetti, con obbligo di soggiorno nel comune di residenza, sia alla confisca, quale epilogo
dell’illecito arricchimento di numerosi beni immobili allocati nelle provincie di Crotone e Pavia, diverse aziende operanti nei settori della coltivazione mista di cereali ed ortaggi e del commercio all’ingrosso di prodotti alimentari e bevande, nonché polizze assicurative.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Spilinga, carabinieri sequestrano area inquinata. Un denunciato

Nella serata di ieri, i militari della Stazione Carabinieri di Spilinga, unitamente al personale specializzato del Nucleo Operativo Ecologico di Reggio Calabria, hanno eseguito un controllo nei confronti di una locale attività artigianale di riparazione di elettrodomestici e apparecchiature elettroniche. I militari hanno accertato che diverse aree di terreno su cui…

Leggi tutto »

I Carabinieri controllano i mercati e la circolazione stradale di Nicotera e Tropea

Nel corso della settimana appena conclusa i Carabinieri della compagnia di Tropea hanno dato corso ad una serie di controlli nei confronti dei luoghi in cui si svolgono i mercatini settimanali. In particolare sono stati controllati i mercati ortofrutticoli e generici di Nicotera e Tropea. Le quattro finalità dei controlli…

Leggi tutto »