MediterraneiNews.it

Il 4 ottobre la presentazione del libro di Antonio Ferrari “Il Segreto” al Teatro Piccolo di Milano .

Pochi giorni dopo la presentazione alla Fondazione del Corriere della Sera, a Milano, mercoledì 4 ottobre 2017 alle ore 17.30, presso il Chiostro Nina Vinchi del Teatro Piccolo, sarà fatto conoscere al pubblico il nuovo libro di Antonio Ferrari “Il Segreto”.

Saranno presenti all’evento Benedetta Tobagi e Pier Luigi Vercesi. Per l’occasione, abbiamo intervistato Ferrari, storico editorialista ed inviato speciale del Corriere della sera, che, in esclusiva per i nostri lettori, ci ha rilasciato un’anticipazione sul suo romanzo:

” Scrissi “Il Segreto” 35 anni fa. In quegli anni lavoravo al Corriere della Sera ed insieme a Walter Tobagi ed altri coraggiosi giornalisti ci occupavamo di inchieste sul terrorismo. Purtroppo all’epoca, per le scottanti indiscrezioni raccolte, non trovai alcuna casa editrice disposta a pubblicarlo. Oggi, invece, il libro è uscito grazie alla casa editrice Chiarelettere, a cui va il mio più sentito ringraziamento. Nel libro racconto quei drammatici momenti della storia repubblicana italiana sotto forma di romanzo, ho cambiato i nomi a protagonisti di quella tragica vicenda, ma tutti i principali attori del delitto Moro sono facilmente riconducibili. La mia inchiesta giornalistica si concentra sul gruppo che sequestrò Aldo Moro : erano tutti brigasti o, al suo interno, c’erano anche infiltrati di servizi segreti stranieri ? Io sono arrivato alla conclusione che Il gruppo delle B.R. che sequestrò Moro votò a maggioranza per la liberazione dello statista, ma, altrove, si era già decisa la sua fine, perchè Moro era l’uomo del “Compromesso Storico” e del dialogo con il Partito Comunista. Moro fu il primo a manifestare insofferenza per la politica degli Stati Uniti, che ritenevano l’Italia un Paese a “sovranità limitata” e fu tra i primi a considerare gli arabi interlocutori affidabili. Il libro è uguale a quello che scrissi nel 1981, ho aggiunto solamente una Postfazione, in cui spiego le ragione della pubblicazione”.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Il Ritorno di Luis Sepulveda

Luis Sepulveda -scrittore, giornalista, sceneggiatore, regista e attivista cileno naturalizzato francese, autore che spazia dalla poesia ai racconti e che ha conquistato la scena letteraria con il suo primo romanzo, Il vecchio che leggeva romanzi d’amore, apparso per la prima volta in Spagna nel 1989 e in Italia nel 1993 – torna a farci sognare con il suo nuovo libro e lo…

Leggi tutto »

L’ultimo avvincente libro di Alessandro Defilippi.

Alessandro Defilippi, torna ad appassionare i lettori con un thriller ambientato nella Genova dei primi anni Cinquanta, porto di traffici leciti e illeciti, la crudeltà esplode seguendo le vie piú tortuose: “donne col rossetto nero” edito da Einaudi. Defilippi – lo ricordiamo – medico e psicoanalista, vive, lavora e scrive a…

Leggi tutto »