MediterraneiNews.it

Il 2018, Anno del cibo italiano. L’inaugurazione della campagna, in una nota congiunta dei ministri Franceschini e Martina.

“Un calice di vino nella mano di Bacco, piatti abbondanti di cacciagione, pesci e crostacei per un banchetto luculliano, ceste ricolme di grappoli d’uva, pani, mele e melograni, cascate di ciliegie di tutti i pantoni di rosso. È l’arte a riconoscere per prima la valenza culturale del cibo, il suo valore simbolico, sociale ed estetico, oltre che vitale, dall’epoca greco-romana fino all’avvento del barocco e al contemporaneo”.

Così il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, – si legge in una nota dello stesso Mibact sul suo sito istituzionale – insieme al Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, inaugura il 2018 Anno del Cibo Italiano con una campagna social tutta incentrata su alimenti e piatti d’autore, quelli realizzati con tempera e chiaro scuro, in marmo o su ceramica, belli da concepirne profumo e gusto.

“L’account Instagram @museitaliani – si legge ancora nella nota in questione – posta e condivide circa 50 locandine digitali, tra le quali figurano la stele di Karo al Museo Egizio di Torino, la Cena con sponsali di Gherardo delle Notti, la Natura morta con peperoni e uva di Giorgio De Chirico, così come le sculture di Darren Bader al Museo Madre di Napoli e i manifesti pubblicitari conservati al Museo Salce di Treviso. Non potevano poi mancare l’Ultima Cena di Leonardo, gli affreschi di Pompei, le nature morte della Villa Medicea di Poggio a Caiano e i dipinti della Scuola Napoletana.
Le regole della campagna social non cambiano: continua l’invito a visitare gli oltre 420 musei, parchi archeologici e luoghi della cultura italiani, a cercare, fotografare e condividere il tema del mese con l’hashtag #annodelciboitaliano”.

Annunciato dai Ministri Franceschini e Martina lo scorso giugno, il 2018 Anno del Cibo Italiano “valorizzerà e promuoverà l’intreccio tra cibo arte e paesaggio, che rappresentano i migliori attrattori culturali del nostro Paese – conclude la nota – e la condivisione delle foto diventerà un reportage collettivo che, attraverso il cibo, racconterà anche la storia della nostra società, l’evoluzione del gusto, evidenziando quanto il patrimonio enogastronomico faccia parte dell’identità italiana”.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Dieta Mediterranea, Alfonso Grillo “La proposta di legge 54 calpesta storia, tradizione e cultura di un territorio”

Un nuovo scippo, l’ennesimo per la cittadina. Viene considerata tale l’approvazione in Regione, in terza commissione, della proposta di legge 54 del 2015, “Valorizzazione della Dieta Mediterranea italiana di Riferimento”, dei firmatari consiglieri regionali cosentini Orlandino Greco e Franco Sergio. Il testo di legge avrebbe dovuto essere discusso ieri in seconda…

Leggi tutto »

Studio dell’Università di Edimburgo prova i benefici della dieta mediterranea sul cervello umano

Ancora una volta la scienza prova gli innegabili benefici che derivano dal seguire un regime alimentare consono ai dettami della Dieta Mediterranea. La conferma ci viene questa volta da uno studio condotto dalla Università di Edimburgo in Scozia e pubblicato sulla rivista Neurology che ha esaminato gli effetti della dieta…

Leggi tutto »