MediterraneiNews.it

Ancora una intimidazione ai danni di un imprenditore vibonese.

La criminalità organizzata alza ancora il tiro nel vibonese. Il nuovo episodio è avvenuto ieri a Vena superiore, frazione del comune capoluogo dove ignoti intorno alle 13.30 hanno esploso 4 colpi di fucileall’indirizzo dell’auto e del portone dell’abitazione di un imprenditore che opera nel settore della lavorazione del marmo e titolare di un’attività

Al momento non si esclude nessuna ipotesi ma la pista privilegiata rimane quella del racket delle estorsioni.

Sul posto i carabinieri della Stazione di Vibo Valentia che dopo aver raccolto la denuncia dello stesso imprenditore hanno effettuato i rilievi e avviato le indagini.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

‘Ndrangheta, confiscato patrimonio di 2,5 milioni di euro ad imprenditore reggino intraneo alla cosca “Rosmini” – VIDEO

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, coordinati dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria – Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri, hanno eseguito un provvedimento emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale, che dispone la confisca del patrimonio stimato in circa 2,5 milioni di euro riconducibile…

Leggi tutto »

Nicotera: due arresti per detenzione illegale di armi e munizioni.

I carabinieri di Nicotera – nell’ambito della loro attività di pattugliamento del territorio – hanno rinvenuto all’interno di un casolare, una carabina e alcune munizioni. I militari hanno quindi posto agli arresti, due fratelli, Domenico Cesare Bianco, 56 anni, e Pietro Bianco, 57 anni, del luogo, accusati di detenzione illegale di armi e…

Leggi tutto »