MediterraneiNews.it

In Germania accordo tra imprese e sindacati per la settimana lavorativa di 28 ore.

Un accordo destinato a diventare una pietra miliare nel mondo del lavoro e delle imprese. E’ questo – in sintesi – il commento di molti analisti e commentatori tedeschi e non solo, riguardo all’importante accordo raggiunto in queste ore sulla settimana lavorativa di 28 ore.

L’accordo è stato siglato nel ricco e popoloso Lander del Baden-Württemberg e riguarda i lavoratori dello strategico comparto produttivo metallurgico ed elettrotecnico ma presto potrebbe essere adottato anche in altre regioni della cosidetta “Locomotiva d’Europa”.

L’accordo prevede  la possibilità per i dipendenti più anziani di ridurre l’orario lavorativo da 35 a 28 ore per un periodo di tempo che può variare da un minimo di sei mesi ad un massimo di due anni, al fine di accudire a casa un figlio dopo la nascita ovvero per curare un parente malato o infermo. Ovviamente, durante questo periodo, i lavoratori non percepiranno l’intero stipendio ma otterranno dall’azienda un bonus di temp pari a otto giornate di ferie aggiuntive. Garantito a tutti anche il diritto di ritornare alle 35 ore lavorative.

Da sottolineare inoltre, come le imprese hanno garantito un aumento salariale del 4.3% in cambio della possibilità di estendere la settimana da 35 a 40 ore per tutti gli altri dipendenti che ne fanno richiesta.

Insomma un accordo che lascia soddisfatti tutti quanti su un tema che sta appassionando il dibattito politico anche di altre nazioni come il Belgio, la Svezia e la Danimarca – ma che purtroppo appare assente dalla campagna elettorale italiana.

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Guerra in Siria. Liberata Raqqa, capitale dell’ISIS

Pino Macino, da Pupari & Pupi La definivano la capitale del Califfato dell’ISIS. Ora Raqqa  è un cumulo di macerie. E su quelle macerie sventola finalmente la bandiera che i curdi e gli americani hanno innalzato…pronti però a farne ancora mezzo e strumento di divisione della Siria  e preludio di…

Leggi tutto »

Paola Perego. La bufera non si placa e si indigna anche la donna dell’est Europa

Dopo le polemiche sollevate dal talk show di Rai1 che ha mandato in onda una lista di sei motivi per cui è meglio scegliere una fidanzata dell’Europa orientale Ha sollevato un terribile polverone la lista sulle donne dell’Est mandata in onda dal programma televisivo di Rai1 “Parliamone sabato”, accusato di…

Leggi tutto »