MediterraneiNews.it

Asd Nicotera, netta vittoria sul Piscopio (5 – 1) che vale la vetta della classifica di Terza categoria

Una vittoria netta, senza storia che non ammette repliche e giustificazioni.

Nel giorno dello scontro al vertice e alla presenza del pubblico delle grandi occasioni, il Nicotera si impone con un secco 5 a 1 sul Piscopio.

Mattatore della giornata Clemente Desiderato autore di una tripletta, Filippo Rascaglia ed il giovane Corso firmano gli altri due goal, ma ottima la prova di tutta la squadra ben messa in campo dall’allenatore Sandro Campisi.

In testa al campionato di Terza categoria, girone G, adesso c’è la squadra nicoterese che lotterà per mantenere la vetta nonostante ad attenderla c’è un calendario forse più difficile rispetto a quello del Piscopio “ma si sa – afferma il presidente Mario Solano – genio e sregolatezza in questa squadra che è per noi tifosi croce e delizia, ma soprattutto è una squadra che con grande orgoglio combatte su tutti i fronti”.

A giorni, annuncia il presidente, la società uscirà con un comunicato relativo al comportamento degli arbitri della sezione di Vibo Valentia i quali posticiperebbero le partite  in modo “poco” regolamentare.

Prima dell’incontro sono stati premiati, come di consueto, due calciatori dell’Asd, Clemente Desiderato e Francesco Ascone, simpatica iniziativa che la società nicoterese porta avanti dall’inizio della stagione.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Nicotera: le fake news colpiscono anche la festa di San Giuseppe.

Scherza con i fanti ma lascia stare i santi. Una volta almeno, questo era un vecchio motto della saggezza popolare. Una saggezza che forse si è ormai smarrita, almeno a stare a sentire gli organizzatori della Festa di San Giuseppe, che si tiene il 19 marzo di ogni anno nella…

Leggi tutto »

Mare sporco, ispezionato tutto il litorale di Nicotera Marina alla ricerca di tubi abusivi. Il geomagnetometro rivela la presenza di anomalie

Il litorale di Nicotera Marina ispezionato metro per metro, dalla foce del torrente San Giovanni a quella del fiume Mesima. Prima, via terra, per monitorare l’intero percorso della condotta fognaria e, di pomeriggio, via mare, per accertare la presenza sui fondali marini di tubi eventualmente utilizzati per scaricare liquami e…

Leggi tutto »