MediterraneiNews.it

Ultim’ora Limbadi. E’ stata una bomba e non un incidente ad uccidere Matteo Vinci e ferito gravemente il padre.

Il prefetto di Vibo Valentia, Guido Longo, ha convocato d’urgenza il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica per fare il punto sulle indagini sulla esplosione  di un’auto a Limbadi che, nel pomeriggio di oggi intorno alle 15.30, ha dilaniato Matteo Vinci di 42 anni mentre viaggiava in una stradina interpoderale nelle campagne di Limbadi in località Ceravolo. A bordo vi era Matteo Vinci 42 anni e suo padre Francesco di 70 anni.  Matteo ex rappresentante di medicinali, è morto sul colpo mentre il padre  ex carrozziere, è stato ricoverato d’urgenza in ospedale a Vibo Valentia e versa in gravissime condizioni.

Le indagini, sono coordinate dalla Procura della Repubblica di Vibo Valentia e da  un magistrato della Procura antimafia di Catanzaro. Gli artificieri dei carabinieri sono al lavoro per gli accertamenti tecnici alfine di verificare la dinamica dell’esplosione.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Jonadi:_ colpi d’arma da fuoco all’indirizzo di un caseificio.

Si fa sentire ancora la presenza della criminalità nel vibonese. Questa volta, teatro dell’ennesimo atto delinquenziale, è stato il comune di Jonadi dove, nella notte, sono stati esplosi diversi colpi d’arma da fuoco contro il “Leo Tropea” sito lungo la Statale 18. I colpi hanno causato danni all’immobile che sono ancora…

Leggi tutto »

Estorsione ai danni di Carmine Zappia, altri due arresti a Nicotera

Si allarga l’inchiesta sul giro di estorsioni a Nicotera che lo scorso 18 luglio ha portato all’arresto di Antonio Mancuso, l’anziano boss dell’omonima famiglia di ‘ndrangheta operante nel Vibonese, e del nipote Alfonso Cicerone, 45 anni. Nel corso della notte i Carabinieri della Compagnia di Tropea hanno eseguito un’ordinanza di…

Leggi tutto »