MediterraneiNews.it

Joppolo, sul lungomare la tappa annuale di Legambiente

La storica campagna ambientalista di Legambiente, “Spiagge e fondali puliti”, di tutela e pulizia degli arenili, è giunta nel comune tirrenico. Un appuntamento fisso ormai, considerando che da alcuni anni, ambientalisti, cittadini, volontari e associazioni, si danno appuntamento sul lungomare della cittadina per ripulirlo dai rifiuti trasportati dalle mareggiate o abbandonati dalla gente.

L’iniziativa promossa dal circolo di Legambiente Ricadi di concerto con l’amministrazione comunale, ha registrato, quest’anno, la presenza di Franco Saragò della segreteria regionale di Legambiente e di Salvatore Nardone del circolo ricadese, degli otto ragazzi del servizio civile che hanno organizzato l’intera giornata, dei referenti territoriali del circolo locale di Legambiente, Carmela Albino, Domenico Lo Bruno e Sabatino Comerci e degli alunni della scuola Secondaria di I grado del dirigente scolastico Marisa Piro, tutti animati da passione civile e attaccamento al territorio.

L’attività è iniziata di buon mattino con i numerosi volontari che, armati di guanti e sacchetti, si sono cimentati nella raccolta dei rifiuti, uniti dallo stesso intento: ripulire l’arenile e tutelare la bellissima spiaggia rocciosa. Un’azione dimostrativa di educazione ambientale, un esempio di cittadinanza attiva, ma anche un’azione concreta che ha visto protagonisti soprattutto i giovani studenti. L’iniziativa che si è svolta in località “Zagara”, è proseguita per l’intera mattinata producendo la raccolta di diversi quintali di materiale: bottiglie, buste, bidoni di plastica, polistirolo, attrezzi per la pesca, vetro, parti di imbarcazioni e tantissime canne depositate sull’arenile dalle mareggiate. I rifiuti, raccolti in modo differenziato, sono stati ritirati dalla Cooperativa “Monteporo” che gestisce il servizio per conto del Comune.

Presenti all’iniziativa l’assessore Dino Sterza e il consigliere Ambrogio Scaramozzino. “Quello di oggi – afferma Sterza – è stato un esempio concreto  di cittadinanza attiva che ha visto presenti numerosi cittadini  animati da passione civile e attaccamento al territorio e un efficace metodo per educare i giovani cittadini al rispetto dell’ambiente”.

I rappresentanti di Legambiente hanno approfittato dell’occasione per parlare delle condizioni di salute precaria del nostro mare.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Vibo Valentia, la Guardia di Finanza sequestra la discoteca di uno stabilimento balneare priva di autorizzazione

I Finanzieri calabresi del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Vibo Valentia, entrati in azione in orario notturno, hanno accertato che il titolare di un lido balneare era in possesso della sola autorizzazione idonea per la somministrazione di alimenti e bevande, Scia, ma non sufficiente per lo svolgimento dell’attività di intrattenimento…

Leggi tutto »

Referendum per il cambio di denominazione del comune da Ricadi in Ricadi-Capo Vaticano, dopo il via libera del consiglio regionale arriva anche quello della giunta Oliverio. Nel corso dell’ultima seduta, l’argomento è stato votato senza difficoltà anche se non è stata indicata alcuna data. Né la data poteva essere indicata…

Leggi tutto »