MediterraneiNews.it

Vibo Valentia, Giuseppe Policaro propone in consiglio l’affidamento dei monumenti cittadini ai giovani

“Affidare ai giovani i monumenti della propria città coinvolgendo il mondo delle scuole e gli studenti in particolare”. E’ questa l’idea del consigliere comunale Giuseppe Policaro presentata al civico consesso di Vibo Valentia.

La proposta ha già sortito effetti positivi e potrebbe essere rilanciata anche in altre realtà territoriali, soprattutto quelle dove le scarse risorse economiche impediscono agli enti locali una continua e costante manutenzione del patrimonio storico culturale del nostro paese.

Policaro, dirigente scolastico e ancora prima avvocato, è molto sensibile alle problematiche della scuola e alla tradizione culturale della sua città, l’antica Hipponium/Monteleone oggi Vibo Valentia. Con la sua proposta ha chiesto al consiglio comunale di impegnarsi ad “istituzionalizzare la promozione alla partecipazione delle scuole di ogni ordine e grado del comune di Vibo Valentia all’annuale concorso “Adotta un monumento” promosso dalla Fondazione “Napoli Novantanove” e/o la promozione alla partecipazione ad altre iniziative culturali e formative con l’obiettivo  di innalzare le competenze sociali e civiche degli studenti vibonesi, contribuendo così a fornire indirizzo diretto a valorizzare l’offerta formativa e culturale delle scuole insistenti nella città e nelle sue frazioni”.

Numerosi i monumenti vibonesi che potrebbero essere  adottati” dagli studenti:  il monumento a Luigi Razza, il monumento al Milite Ignoto, il monumento a Michele Morelli, il Castello Normanno Svevo, le Mura Greche, l’ex Convento dei Padri Dominicani (Valentianum), l’Arco di Marzano, il Castello di Bivona, Palazzo Gagliardi, Palazzo delle Accademie e tanti altri.

Nel documento trasmesso al presidente del consiglio comunale di Vibo, Stefania Ursida e per conoscenza al sindaco Elio Costa, Policaro evidenzia che “l’anno 2018 è l’Anno europeo della Cultura. La scuola adotta un monumento, nato a Napoli nel dicembre 1992 su iniziativa della Fondazione “Napoli Novantanove”, d’intesa con il Provveditorato agli Studi e le Soprintendenze, è un progetto di educazione permanente al rispetto e alla tutela del patrimonio storico-artistico e più in generale dell’ambiente. Il progetto muove dal riconoscimento della centralità della scuola nella formazione della cultura e dei comportamenti dei cittadini ed individua nelle giovani generazioni il soggetto privilegiato per l’affermazione di una nuova consapevolezza del bene culturale”.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Gli Etno Pathos presentano il primo lavoro discografico

Sono Leo Preiti (percussioni, coro e fiati), Maurizio Pantano (voce e chitarra), Pino Pagnotta (basso elettrico), Giacomo Davì (fisarmonica, organetto e lira calabrese) e Filippo Davì (chitarra battente), in due sole parole, gli Etno Pathos, il nuovo gruppo di musica popolare calabrese, etnica e tradizionale. Gli Etno Pathos costituitosi nel 2014, presenteranno il…

Leggi tutto »

Studenti calabresi in visita nei luoghi dell’Olocausto .

E’ uno dei luoghi simbolo dela Shoah, ma molto più lugubre di Babi Jar, più impressionante della Risiera di San Sabba, del Velodromo di Drancy o dei resti del cimiero ebraico di Varsavia. Il luogo dove il male si è eretto a “sistema” cancellando oltre un milione di esseri umani…

Leggi tutto »