MediterraneiNews.it

Facce da muro e …botte da Orban.

Pino Macino, da Pupari & Pupi

Junker è il Presidente della Commissione Europea. Amato non lo è…e molti anzi accennano alla sua predilezione per il buon bere…Tra un cin cin ed altro…in un momento di assoluta sobrietà…ha parlato delle telefonate con Conte…il prestanome del Consiglio dei Ministri italiano….alla vigilia del suo ultimo discorso sullo Stato dell’Unione.Conte voleva sincerarsi che non avrebbe attaccato l’Italia…era preoccupato perchè le posizioni espresse dal rozzo Salvini potevano indebolire ulteriormente l’Italia. Questo, oramai, dimostra come all’interno dello strano Governo si respiri un aria greve…specie sulla troppa esposizione negativa dell’Italia.Ma questo non assolve certo Conte.Che non potrà continuare a fare il Pupo…quando ha piena consapevolezza dei danni provocati dal razzista. Ma  la cosa resterà lì. Hanno la faccia di muro. Pensate che nel voto contro Orban, i Cinquestelle e Lega hanno espresso voto diverso ed opposto. Come se nulla fosse…come se la posizione dei partiti di un Governo in carica di un grande Paese fosse senza conseguenze…come se la questione non avesse incidenza in politica estera….o nei consessi internazionali dove queste cose contano e trascinano l’Italia…perfino nel ridicolo. Ma siccome questi dettagli non erano previsti nel contratto di Governo…ognuno può fare come gli pare.Va bene cosi….tanto a pagare ci penseranno gli Italiani. E lo stanno già facendo, con piena soddisfazione degli interessati, gaudenti donatori di consensi.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Italiani, popolo di pseudo tifosi e di finti giornalisti sportivi

Italia paese di sportivi? A quanto sembra No. Anzi, sarebbe da aggiungere tifosi a convenienza, o meglio, tranquilli fino a quando i giochi vanno avanti come si spera che vadano. E’ il caso del campionato di calcio di serie A. A tre giornate dalla fine ancora i giochi non sono…

Leggi tutto »

Oliverio ricorda l’anniversario della strage di Capaci.

Sono passati 25 anni da quel tragico 23 maggio in cui persero la vita, in un vile e tremendo attentato mafioso compiuto nei pressi di Capaci, il giudice Giovanni Falcone insieme alla moglie Francesca Morvillo ed agli agenti della Polizia di Stato Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani. Sono…

Leggi tutto »