MediterraneiNews.it

Gerocarne (VV), un arresto per produzione e detenzione di marijuana

I Carabinieri della Stazione di Dinami unitamente ai militari della Stazione di Soriano Calabro, alle prime luci dell’alba della giornata odierna, durante un preordinato servizio finalizzato a contrastare il fenomeno della detenzione e della produzione di sostanze stupefacenti del tipo marijuana, hanno eseguito un servizio nella frazione Ciano di Gerocarne (VV).

Nella circostanza i militari operanti hanno individuato una piccola piantagione di circa 120 piante di canapa della specie rudimentalis, recintata, alle spalle di un’abitazione. Hanno deciso, quindi, di percorrere un piccolo sentiero battuto di una cinquantina di metri che portava all’interno di un’abitazione. Nella stessa i Carabinieri hanno trovato un uomo, Michelangelo IDA’, classe ’61, già noto alle forze dell’ordine, e hanno decisodi effettuare una perquisizione domiciliare.

Hanno, quindi rinvenuto, all’interno dell’abitazione, 15 piante di canapa in fase di essiccazione in uno stanzino accuratamente riscaldato, circa 1500 semi di canapa e 80 gr. di marijuana già pronta per essere utilizzata.

Il soggetto, quindi, è stato dichiarato in arresto e condotto, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, presso la casa circondariale di Vibo Valentia. Tutto il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro per le successive analisi tecniche.

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Corigliano Calabro, aggressione e resistenza ai carabinieri, tornano in libertà i sei indagati

Il Tribunale della Libertà di Catanzaro ha accolto le tesi difensive degli avvocati Francesco Nicoletti, Giovanni Bruno e Giusy Acri, disponendo l’immediata liberazione di M.G. (38 anni), Z.E.G. (45 anni) e F.D. (30 anni), tutti accusati a vario titolo di lesioni aggravate e resistenza aggravata a pubblico ufficiale. I fatti risalgono…

Leggi tutto »

Nicotera, Marzia Prestia Lamberti incontra gli alunni della media: “la morte di mio figlio Francesco non sia vana, non abbassate mai la testa davanti alla delinquenza”

“Nessuno ha il diritto di calpestare la vostra dignità, nessuno ha il diritto di puntarvi una pistola e mettervi in ginocchio. Questi sono atti vili e noi dobbiamo fare in modo che tutto ciò non accada più”. Esordisce così Marzia Prestia Lamberti, madre di Francesco, il 16enne ucciso a colpi…

Leggi tutto »