MediterraneiNews.it

Grafica tridimensionale, laboratorio all’avanguardia alla Media di Nicotera

Nato dalla volontà di garantire a tutti gli alunni il successo formativo, il nuovo laboratorio “Ceramica 3D” realizzato con fondi Por Calabria 2014/2020 presso la Media del dirigente scolastico Marisa Piro, rappresenta un ambiente all’avanguardia per chi vuole approcciarsi al mondo della grafica tridimensionale e studiare tradizionali materie scolastiche attraverso nuove tecnologie di realtà virtuale, scansione e stampa 3D. Il laboratorio, grazie alla sua innovativa strumentazione, rappresenta uno dei pochissimi ambienti tecnologici virtual reality presenti in Calabria.

Al suo interno spicca lo zSpace, nuova entusiasmante workstation che introduce nelle classi un’esperienza di didattica “immersiva” grazie all’utilizzo di olografia e stereoscopia. Gli studenti, indossati gli appositi occhiali, sono immersi in un ambiente 3D che definisce un’esperienza personalizzata e interattiva di fruizione dei contenuti; essi possono essenzialmente entrare nel proprio laboratorio e interagire con materiali didattici virtuali, difficilmente fruibili nella didattica del mondo “reale”. La realtà virtuale incoraggia l’apprendimento attraverso tentativi ed errori, riducendo nettamente i tempi necessari a ripristinare, ripetere e modificare i progetti di apprendimento sperimentali. Inoltre, accelera la comprensione di concetti complessi poiché la realtà virtuale accorcia sensibilmente la curva di apprendimento rafforzando la fiducia dell’insegnante di somministrare progetti in linea con gli obiettivi didattici e in grado di veicolare concetti in maniera unica e memorabile. zSpace crea opportunità di collaborazione uniche ed è perfetto per progetti di team-working e brainstorming. Il dispositivo è costituto da tre componenti, l’unità principale, uno stilo e occhiali polarizzati passivi. L’unità principale comprende il display 3D, due proiettori infrarossi e due telecamere di tracking a infrarossi che permetto al software di calcolare la posizione e l’orientamento dello stilo e degli occhiali rilevando anche piccoli movimenti della testa, in questo modo la scienza che l’utente vede cambia e si adatta ogni volta che egli si muove attorno all’unità, cogliendo le diverse angolazioni e fornendo, cosi un’esperienza assolutamente realistica.

zSpace include due potenti software: zView e zSpace Studio, il primo consente agli utenti di condividere il proprio lavoro con un audience di spettatori, collegando semplicemente lo zSpace a qualsiasi proiettore o display. Zspace Studio è un software di presentazione ed esplorazione di migliaia di modelli 3D; attraverso dei semplici tools consente agli studenti di sezionare, misurare, analizzare, confrontare e metadatare i modelli disponibili nella Gallery o importarli direttamente. Gli insegnanti riscontreranno, nella facilità d’utilizzo del software, la via più agevole per la creazione di unità didattiche 3D. Un’altra applicazione presente sulla workstation è Leopoly 3D che offre un campo di allenamento facile e precoce per introdurre gli studenti nel mondo della creazione 3D, nonché aiutarli a creare, personalizzare e preparare gli oggetti digitali per la stampa 3D. 

Il laboratorio vanta la presenza del wearable technology Bird che consente l’interazione con il mondo virtuale. Grazie alla connessione Bluetooth di ultima generazione, Bird cattura e registra ogni movimento del dito, indicando, con estrema precisione, la sua posizione a tutti i dispositivi mobili ad esso collegati. Gli schermi dei dispositivi mobili appariranno sulla superficie (parete, tavolo, divano ecc.) e diventeranno veri e propri schermi touch screen in 3D con cui si potrà interagire. Per creare questo gioiello tecnologico ci sono voluti anni di ricerca e sperimentazione. Bird indossato sull’indice e abbinato via Bluetooth a un videoproiettore, trasforma l’intera stanza in un’area di lavoro 3D interattiva, interfacciando il futuro.

Quindi, Scan in a Box – FX che offre scansioni 3d di elevatissima qualità, totalmente ottimizzato per offrire maggiore consistenza e stabilità: il tutto per fornire un’esperienza di scansione più fluida e intuitiva, raggiungendo eccellenti risultati in campo professionale. Questo risultato è raggiunto attraverso l’adozione di avanzata componentistica hardware dedicata e una tecnologia di scansione 3D all’avanguardia. Grazie alle connessioni USB 3.0 di alta qualità, alle telecamere industriali e al proiettore HD, Scan in a Box FX scansiona in meno di 2 secondi e abbatte così i tempi di lavorazione richiesti per la digitalizzazione dei modelli.

La combinazione di Scan in a Box – FX con la Tavola Rotante Automatizzata produce risultati straordinari. È possibile impostare in modo automatico tutto il processo di scansione ed effettuare l’acquisizione dell’oggetto con un semplice click, decidendo il numero di scansioni, l’angolo e la velocità di rotazione.

Una delle novità più recenti nell’ambito della tecnologia di stampa 3D è Wasp 2040 che offre la possibilità di stampare utilizzando impasti come l’argilla, la ceramica e la porcellana, e in generale qualsiasi tipo di impasto della giusta densità. Gli oggetti così ottenuti hanno il grande vantaggio che possono essere post-lavorati, come normali ceramiche crude, possono successivamente essere cotti in normali forni per ceramica e, infine, possono essere dipinti con facilità. 

Studiato per dare la libertà di creare ovunque, Wacom MobileStudio Pro raccoglie un intero studio di potenti strumenti creativi in un pen computer mobile e leggero che presenta la nuova penna digitale Wacom Pro Pen 2. Permette di creare ovunque si vuole, passando indifferentemente dal 2D al 3D. La penna digitale Wacom Pro Pen 2 è più sensibile, accurata e reattiva di ogni altra penna che abbiamo prodotto. Il modello in dotazione presso la scuola Secondaria di I grado di Nicotera include software fotografico e di scansione Intel® RealSense™ 3D già incorporato, perfetto per designer di prodotto, ingegneri CAD e scultori 3D che nel proprio processo creativo vogliono catturare oggetti del mondo reale. Questo insieme all’applicazione itSeez3D consente di acquisire, condividere e applicare facilmente modelli 3D in 3 semplici passaggi: sScansione di una persona o di un oggetto camminando attorno ad esso con la tavoletta Wacom, visualizzazione dell’anteprima della scansione grezza sul dispositivo, quindi l’elaborazione per ottenere un modello 3D finale di alta qualità per ottenere, infine, un modello 3D digitale che si può scaricare per ulteriori modifiche nell’applicazione di modellazione 3D preferita, condividere con altri, stampare in 3D, utilizzare in giochi, VR e altro.

L’uso di questa strumentazione futuristica creerà nella Media opportunità di collaborazione tra alunni, stimolando progetti di team working e brainstorming. Apparecchiature digitali che consentiranno di accedere a un vasto panorama di saperi e conoscenze e che, affiancate alle tradizionali lezioni, qualificheranno una nuova concezione di fruizione tecnologica.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

L’accoglienza si fa con civiltà e rispetto… come han fatto 16 angeli lions del club di Gioia Tauro

Pino Macino, da Pupari & Pupi …e social OGGI a Macerata una grande manifestazione contro i razzismi. E non sono mancate sbavature, polemiche, discussioni e rimpalli di odio. Oggi a San Ferdinando volontari ed uomini di bona volontà del Lions International…uomini…medici…volontari del nostro territorio…della porta accanto…senza rumore hanno concluso una…

Leggi tutto »

G7 University, Prof Caligiuri: Intelligence materia per il futuro

UDINE (29.6.2017) – “Un mondo più sostenibile è prima di tutto un mondo più sicuro. Appunto per questo l’intelligence può rappresentare una disciplina fondamentale per il futuro”. È quanto ha sostenuto il Direttore del Master in Intelligence dell’Università della Calabria Mario Caligiuri intervenendo alla tavola rotonda “Education and Sustainability” che…

Leggi tutto »