MediterraneiNews.it

Mario Caligiuri presenta “Il pericolo viene dal Mare” scritto con Andrea Sberze per l’editore Rubbettino. Giovedì 7 febbraio 2019, caffè letterari del ITIS con l’intelligence

“Il pericolo viene dal mare” (Rubbettino) è un testo scritto a quattro mani da Mario Caligiuri e Andrea Sberze e segna il secondo degli appuntamenti della stagione numero otto de “I caffè letterari del ITIS di Polistena”, che si terrà giovedì 7 febbraio 2019 alle ore 10.30 in Auditorium. A confronto Mario Caligiuri professore dell’Università della Calabria e gli studenti del focus di lettura studentesco guidato dal dipartimento di Lettere dell’Istituto di Via dello Sport di Polistena. “Nei mesi di preparazione, i nostri giovani si sono cimentati con una lettura impegnativa, un saggio dal quale sono stati capaci di trarre informazioni e spunti di riflessione su di una realtà a loro prossima sia per gli interessi di studio che per la territorialità” – dice il preside Franco Mileto, in attesa dell’incontro con il Prof. Caligiuri che si dice “Felice di incontrare il pubblico giovane e attento di una scuola calabrese di eccellenza”.

I lavori saranno introdotti dal saluto del Dirigente scolastico il Prof. Franco Mileto e moderati da Maria Pia Tucci, giornalista e direttore artistico de “I caffè”. L’Italia è una nazione amarittima, seppur circondata per tre lati dal mar Mediterraneo e trovandosi in una posizione strategica, in alcuni casi fondamentale per le navi in transito passanti per il Canale di Suez, non trova corrispondenza nella possibile valorizzazione dell’economia che ne potrebbe derivare. Un saggio redatto dal più importante studioso accademico di intelligence e da un giovane e brillante studioso operatore marittimo, questo saggio illumina un aspetto fondamentale finora mai affrontato. Un libro che mette in guardia sulle sfide vere che ci attendo.

GLI AUTORI: Mario Caligiuri è professore di prima fascia all’Università della Calabria, dove dirige il Master in Intelligence, promosso nel 2007 con Francesco Cossiga. È stato tra i primi a introdurre lo studio scientifico dell’intelligence negli atenei italiani.
Tra i suoi ultimi volumi, Intelligence e Scienze umane. Una disciplina accademica per il XXI secolo (Rubbettino, 2016) e Cyber Intelligence. Tra libertà e sicurezza(Donzelli, 2016).

Andrea Sberze: è uno studioso di terrorismo e di sicurezza che da quindici anni lavora a stretto contatto con i trasporti marittimi. Laureato in Scienze Politiche alla Statale di Milano, ha prestato servizio presso il Corpo delle capitanerie di porto come ufficiale di complemento. Attualmente lavora per una delle più importanti multinazionali del settore navale e collabora con il Centro di Documentazione Scientifica sull’Intelligence dell’Università della Calabria.

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Mario Caligiuri e Andrea Sberze: l’intelligence è un investimento culturale

VIBO VALENTIA. Se a partire dall’11 settembre 2001 il concetto di terrorismo è entrato a far parte della nostra quotidianità, dal 7 gennaio 2015 – anniversario della strage nella sede del giornale Charlie Hebdo a Parigi – non c’è giorno in cui non venga scritta sui quotidiani o detta nei notiziari la parola…

Leggi tutto »

Scritte contro Don Ciotti e i carabinieri sui muri del vescovado di Locri.

All’indomani della visita del presidente della Repubblica Mattarella alcune scritte indegne di un paese civile sono apprase sui muri del Vescovado di Locri che in questi giorni sta ospitando anche il fondatore di “Libera”, Don Luigi Ciotti. “Più lavoro meno sbirri” e “Don Ciotti sbirro”: sono queste le scritte aberranti…

Leggi tutto »