Isola Capo Rizzuto (KR), denunciato un uomo per l’uccisione di un cane
Isola Capo Rizzuto (KR), denunciato un uomo per l’uccisione di un cane

MediterraneiNews.it

Isola Capo Rizzuto (KR), denunciato per l’uccisione di un cane

I militari della stazione CC forestale Crotone, nel corso di un sopralluogo eseguito nei giorni scorsi in seguito ad una segnalazione hanno rinvenuto un cane soffocato dalla catena cui era stato legato.

L’accertamento era stato fatto insieme al personale del Servizio veterinario dell’Azienda sanitaria provinciale. Il cane, un genotipo del gruppo Bull Terrier, di colore scuro e pettorina bianca, era stato maldestramente assicurato con una lunga catena ad un gancio sistemato più in alto dell’altezza del collare. Tale circostanza, insieme alla vicinanza di una rete metallica cui la catena è rimasta impigliata, è risultata fatale per l’animale. È stato escluso, infatti, che il cane appartenente ad un gruppo noto per la vivacità e forte vigoria dei suoi esemplari sia rimasto vittima dell’intervento di persone estranee. Vicino ad esso era stato assicurato, anche esso con una catena, un altro cane.

Il possessore del cane, un operaio isolitano di 25 anni, è stato deferito all’Autorità giudiziaria per maltrattamento di animali. L’uomo è stato sanzionato, inoltre, per violazioni di carattere amministrativo, inerenti la gestione del cane.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Crotone, è la moda del momento, dopo il caso di Lamezia Terme anche Nando Amoruso (Vita) finisce in una bara

Dopo la farsa di Lamezia Terme (https://mediterraneinews.it/2017/02/21/lamezia-terme-organizza-il-suo-finto-funerale-per-poi-alzarsi-e-brindare-alla-vita-video/?preview_id=7928) dove un commerciante ha organizzato di tutto punto il suo funerale, oggi una singolare protesta si è svolta davanti alla Prefettura di Crotone. Per opporsi contro quella che ha definito la “morte del crotonese”, Nando Amoruso, presidente del Comitato Vita (viabilità, infrastrutture, trasporto e ambiente), si…

Leggi tutto »

Incendiata l’auto di una collaboratrice del presidente provinciale della Sezione Turismo di Confindustria

Hanno bruciato l’auto di una sua collaboratrice, ma Gianni Imparato, presidente provinciale della Sezione Turismo di Confindustria, ritiene di essere lui il vero bersaglio dell’intimidazione. L’imprenditore infatti, già in passato, avrebbe ricevuto delle richieste estorsive, denunciando l’accaduto ai carabinieri che fecero arrestare i presunti autori, legati alla cosca La Rosa. Imparato…

Leggi tutto »
Isola Capo Rizzuto (KR), denunciato un uomo per l’uccisione di un cane