MediterraneiNews.it

Allarme Coldiretti: a Francavilla Marittima furti ed episodi criminosi prese di mira aziende agricole, strutture turistico – ricettive e privati cittadini

La comunità di Francavilla Marittima (CS) vive uno stato di grave disagio e preoccupazione. In questi ultimi tempi infatti- sottolinea Coldiretti – si sono risvegliati appetiti di “nuovi ladri” che mettono in atto furti e altre azioni criminose quali incendi, a danno di aziende agricole, strutture turistiche e privati cittadini. Sia l’amministrazione comunale che la locale stazione dei carabinieri stanno operando sinergicamente per porre un argine a questi fenomeni ma – aggiunge Coldiretti – evidentemente non basta! Non è la prima volta che Coldiretti Calabria lancia l’allarme su questo grave problema, che se rimane impunito e incontrollabile, pericolosamente può prendere piede in altri comuni. “E’ evidente – osserva il direttore di Coldiretti Calabria Francesco Cosentini – che non si tratta di “ladri di polli” quanto di criminali che mettono in atto una vera e propria strategia delinquenziale con azioni ripetute e raid mirati. Chiediamo che le Istituzioni preposte, rispondano con una azione coordinata di maggiore e più incisivo controllo del territorio, sapendo di poter contare anche sull’aiuto degli agricoltori che hanno grande fiducia nelle forze dell’ordine e sono disponibili a denunciare ogni episodio delittuoso”. La Coldiretti in particolare per le aree rurali, chiede che non vengano smantellati presidi sociali delle forze di sicurezza ma che si possano rafforzare anche con l’utilizzo e l’ausilio delle nuove tecnologie. Coldiretti, in conclusione lancia un appello a tutti i cittadini-consumatori affinchè non si fidino di acquistare merce a basso prezzo perché potrebbe essere rubata.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Regione, otto milioni per 80 mila studenti calabresi

Pubblicato dal  Dipartimento regionale  un avviso pubblico per l’assegnazione di contributi alle famiglie, la cui situazione economica equivalente (ISEE) è di poco di piu di 10 mila euro, a sostegno delle spese sostenute per l’istruzione dei figli, iscritti e frequentanti le scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado…

Leggi tutto »

Scritte contro Don Ciotti e i carabinieri sui muri del vescovado di Locri.

All’indomani della visita del presidente della Repubblica Mattarella alcune scritte indegne di un paese civile sono apprase sui muri del Vescovado di Locri che in questi giorni sta ospitando anche il fondatore di “Libera”, Don Luigi Ciotti. “Più lavoro meno sbirri” e “Don Ciotti sbirro”: sono queste le scritte aberranti…

Leggi tutto »