MediterraneiNews.it

Distilleria Caffo a “Tuttofood”. Ottime presenze di visitatori e grandi i risultati allo stand internazionale.

Si chiude con il consueto successo questa 7ª edizione di TUTTOFOOD a Milano tenutasi dal 6 al 9 maggio 2019, dimostrandosi ancora una volta un palcoscenico ideale per le relazioni B2B nel settore del food and beverage con un riguardo al mercato internazionale testimoniato dalla partecipazione di oltre 2900 brand provenienti da 43 paesi. Presente al Pad. 3 Stand C01-C09-D02-D10 insieme alle altre aziende consorziate C.I.T. Calabria (Calabria International Taste): Attinà & Forti, Colacchio Food, L’artigiano della ‘nduja, Caffè Mauro e Dolciaria Monardo, la Distilleria F.lli Caffo consolida la sua presenza con l’offerta ulteriormente ampliata della propria gamma di prodotti di altissima qualità. Caffo conferma la propria importanza nel settore con un’affluenza numerosa in stand che ha visto protagonisti i nuovi prodotti della Distilleria F.lli Caffo, le birre a marchio Mount Lion insieme ai cavalli di battaglia quali Vecchio Amaro del Capo e Borsci San Marzano.

Forte l’interesse anche da parte dei media che hanno partecipato all’evento con dirette nazionali e internazionali e visitato lo stand mostrando un occhio di riguardo verso le novità. Caffo torna dalla kermesse milanese con buonissimi riscontri commerciali e un buon incremento delle occasioni di incontro con gli addetti ai lavori interessati ad una gamma prodotti diversificata e d’eccellenza. Provenienti da tutto il mondo, un particolare interesse è stato dimostrato da parte degli operatori australiani e statunitensi. Ottime le opportunità di business sia con i buyer internazionali già a conoscenza della gamma prodotto della Distilleria F.lli Caffo, sia con realtà interessate a scoprirne nuovi usi e consumi. Presso lo stand presente il Sales Export Director, il Dottor Gabriele Langella, che dichiara, riguardo alla crescente importanza del Made in Italy: “Oggi l’interesse per il Made in Italy è sempre più crescente sia perché evoca lo stile di vita italiano, sia perché il livello qualitativo dei prodotti è stato innalzato ad una dimensione sempre più premium e ha rafforzato l’immagine dell’Italia in tutti i suoi aspetti, non solo nell’ambito food. Le fiere a cui partecipiamo vedono ormai la presenza di operatori da ogni luogo. Le prospettive a medio termine per il Gruppo Caffo sono di proseguire lo sviluppo a livello internazionale e mantenere in Italia il trend attuale, rafforzando il prodotto sul mercato e continuare ad espandere la nostra politica di internazionalizzazione.”

Caffo negli ultimi anni ha dimostrato uno sviluppo interessante a livello internazionale con la sua presenza in circa 50 stati e in 5 continenti, ampliando il proprio mercato grazie a Caffo Deutschland, compartimento responsabile non solo del mercato tedesco ma anche di quello austriaco e svizzero, e grazie alla filiale americana in New Jersey, che si occupa di coordinare e controllare la distribuzione dei prodotti in tutte le Americhe, dal Canada fino all’Argentina. Ciò permette al brand di svilupparsi organicamente a livello mondiale, anche dove gli usi dell’amaro si fanno meno consueti e cavalcano la tendenza degli ultimi 3-4 anni a trasformare amari dalla storia ultracentenaria in cocktail che incontrano il gusto e favore di un pubblico di consumatori sempre più ampio. La riscoperta da parte dei bartender ne ha cambiato le tipologie di consumo e l’apertura al meraviglioso mondo della mixology ha spalancato all’amaro nuovi mercati e nuove abitudini, come ad esempio negli Stati Uniti, dove Vecchio Amaro del Capo viene principalmente consumato nei cocktail e come shot.
Prossimi appuntamenti a livello internazionale per la Distilleria F.lli Caffo saranno Vinexpo Bordeaux 2019, fiera fondamentale per il mondo del vino e degli spirits che si terrà a metà maggio, l’edizione Bar Convent a Berlino e infine la partecipazione al Moscow Bar Show a San Pietroburgo in autunno.

Caffo Antica Distilleria produce e distribuisce bevande alcoliche dal 1915. La costruzione di un’intera filiera produttiva inizia dalla coltivazione delle erbe officinali, ingredienti base dei propri liquori. Vecchio Amaro del Capo fa parte di questa famiglia insieme a un catalogo di numerose ricette fra liquori, distillati, premiscelati e sciroppi tra cui gli apprezzatissimi Borsci S. Marzano, il Liquorice e l’amaro S. Maria al Monte. Grazie alla propria vocazione internazionale approda in tutta Europa, negli Stati Uniti e in Australia. Il marchio Vecchio Amaro del Capo resta il più amato fra gli italiani e si aggiudica oltre il 30% di quota di mercato presso la Grande Distribuzione, come dimostra anche il rapido sviluppo nel canale Ho.Re.Ca. (bar, ristoranti e locali di entertainment). Vecchio Amaro del Capo è un’eccellenza firmata Caffo: la special edition Riserva del Centenario è stata premiata con la Grand Gold Medal al Concorso Mondiale Spirits Selection di Bruxelles, venendo di fatto riconosciuto come il miglior liquore d’erbe al mondo.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Caos rifiuti a Vibo valentia. La prefettura convoca un tavolo mentre Russo (PD) attacca.

La città di Vibo valentia è praticamente nel caos per quanto riguarda i rifiuti. Ovviamente non si tratta purtroppo di una novità ma la situazione sta assumendo tratti davvero surreali perchè come sempre accade alle nostre altitudini alla tragedia fa sempre seguito la farsa. Tanto da spingere la prefettura ha…

Leggi tutto »

Vibonese, scene da “Arancia Meccanica”. Fermato dai Carabinieri uno dei presunti autori – VIDEO e FOTO

Nella giornata di ieri i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Vibo Valentia, collaborati da quelli delle Stazioni di Nicotera e Zungri hanno sottoposto al fermo di indiziato di delitto per i reati di rapina continuata aggravata in concorso, sequestro di persona, lesioni personali in concorso e…

Leggi tutto »