MediterraneiNews.it

Limbadi (VV), padre e figlio coltivavano sul proprio terreno 2750 piante di marijuana

Coltivavano 2750 piante di marijuana in un terreno di loro proprietà.

Una piantagione, la più grande scoperta nel 2019 in tutta la Calabria, che i Carabinieri delle Stazioni di Limbadi e Rombiolo hanno rinvenuto nel corso di un servizio di rastrellamento del territorio.

Nascosta in una fitta vegetazione, in trincea tra i ruderi adiacenti e non facile da individuare.

Al termine dei controlli sono stati dichiarati in arresto Giuseppe Mamone, 61 anni e Pasquale Mamone, 27 anni, entrambi di Limbadi e ritenuti contigui alla omonima Locale.

I due sono stati sottoposti ai domiciliari in attesa delle determinazioni dell’autorità giudiziaria. Le 2750 piante dell’altezza di 1,50 metri per un peso complessivo di oltre 2 tonnellate avrebbero fruttato una volta immesse sul mercato un potenziale giro di affari superiore agli 8milioni di euro.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Il Governatore Oliverio “Non poteva né inquinare né reiterare”

Secondo la Cassazione Oliverio sarebbe stato “immotivatamente” costretto all’obbligo di dimora per 3 mesi a San Giovanni in Fiore, nell’ambito dell’inchiesta “Lande desolate” della procura di Catanzaro. Giudici della Suprema Corte severi anche nel giudizio riguardo all’intero impianto accusatorio riferito al governatore. «L’irrilevanza» nel presunto rallentamento dei lavori di piazza…

Leggi tutto »

Nicotera, allaccio abusivo alla rete elettrica. Arrestata coppia

Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri di Nicotera e i colleghi di Nicotera Marina, nell’espletamento dei quotidiani controlli alle persone sottoposte a misure custodiali,  si sono imbattuti in una coppia di coniugi: Diego Campennì, nicoterese  di 67 anni e Isabella Vis, nicoterese di 55 anni, quest’ultima sottoposta al regime della…

Leggi tutto »