Vibo Valentia, operazione “’Mbasciata”: tentata estorsione con metodo mafioso. Altro arresto nel vibonese
Vibo Valentia, operazione “’Mbasciata”: tentata estorsione con metodo mafioso. Altro arresto nel vibonese

MediterraneiNews.it

Vibo Valentia, operazione “’Mbasciata”: tentata estorsione con metodo mafioso. Altro arresto nel vibonese

Nel pomeriggio di ieri i Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Serra San Bruno, supportati nella fase esecutiva dai militari del Nucleo Investigativo di Vibo valentia e della Sezione Radiomobile della Compagnia di Vibo Valentia, hanno eseguito un provvedimento cautelare in carcere nei confronti di Domenico Franzone, classe 1957, originario di Vibo Valentia.

L’arresto è da inquadrarsi nell’ambito dell’operazione convenzionalmente denominata “’Mbasciata”, (https://mediterraneinews.it/2019/02/14/gerocarne-vv-operazione-mbasciata-tentata-estorsione-con-metodo-mafioso-due-arresti-video/) per il reato di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso. Le indagini hanno avuto inizio nel mese di febbraio 2018 quando due imprenditori edili, originari di Arena (VV), hanno denunciato un tentativo di estorsione posto in essere in più occasioni tra Vibo Valentia e Arena.

Nella circostanza, i due imprenditori, fratelli tra di loro, hanno denunciato che mentre stavano eseguendo un lavoro per il ripristino delle condutture fognarie nel capoluogo di Provincia, ottenuto mediante affidamento diretto, sono stati avvicinati in almeno 3 circostanze da:

–            Emilio Pisano, originario di Gerocarne – Frazione Ariola, classe ’69;

–            Vincenzo Puntoriero, originario di Rosarno, ma domiciliato in Vibo Valentia, classe ’54,

entrambi già arrestati lo scorso 14 febbraio.

In un’altra circostanza uno dei titolari della ditta che doveva eseguire i lavori in Vibo Valentia, era stato avvicinato, in una piazza del centro cittadino, tra gli altri, anche dal Franzone. Inizialmente, non era stata emessa misura nei confronti di quest’ultimo ma, in seguito all’appello proposto dal Pubblico Ministero della Procura Distrettuale Antimafia di Catanzaro, la Seconda Sezione Penale del Tribunale di Catanzaro aveva disposto l’applicazione della misura della custodia cautelare in carcere nei confronti dello stesso Franzone. Avverso tale provvedimento, il destinatario del provvedimento ha presentato ricorso presso la Corte di Cassazione che, però, si è pronunciata circa l’inammissibilità dello stesso. I militari, quindi, nel pomeriggio di ieri, hanno eseguito subito la misura cautelare.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Porto di Gioia Tauro, altro colpo inferto ai narcotrafficanti

Questa volta ammonta a 28 chilogrammi, suddivisi in 25 panetti, la cocaina purissima del valore di 5 milioni e seicentomila euro, sequestrata nel porto di Gioia Tauro grazie al costante ed assiduo impegno degli uomini della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Reggio Calabria e dell’Agenzia delle Dogane, coordinati dalla Procura della Repubblica…

Leggi tutto »

La criminalità alza ancora una volta il livello della sfida alla legalità nel vibonese. Nella notte infatti, ignoti, hanno lanciato una busta contenente un proiettile e un messaggio intimidatorio a uno dei due soci dell’azienda M & C food, che ha sede a Vibo valentia. Sul posto è poi giunta la…

Leggi tutto »
Vibo Valentia, operazione “’Mbasciata”: tentata estorsione con metodo mafioso. Altro arresto nel vibonese