Dasà (VV), detenzione di volatili non cacciabili. Soggetto deferito all’autorità giudiziaria Dasà (VV), detenzione di volatili non cacciabili. Soggetto deferito all’autorità giudiziaria

Dasà (VV), detenzione di volatili non cacciabili. Soggetto deferito all’autorità giudiziaria

Author: Nessun commento Share:

Nell’ambito dei servizi predisposti dal Gruppo Carabinieri Forestale di Vibo Valentia, relativi alla campagna dei reparti forestali nel settore agricolo, agroalimentare e forestale per l’anno 2019, con particolare riguardo alla tutela dell’avifauna protetta, un soggetto è stato deferito all’ A.G. da parte del personale della Stazione Carabinieri Forestale di Serra San Bruno per la detenzione illecita di specie volatili non cacciabili, in violazione alla normativa di settore.

I militari, durante l’espletamento di un servizio effettuato nella località “Marino” del comune di Dasà, hanno rinvenuto, all’interno di un vano adibito a voliera, ubicato all’interno di un vetusto casolare di proprietà di A. G. di anni 58, diversi esemplari di avifauna esclusa dalle specie cacciabili, nello specifico 31 esemplari tra cardellini e verdoni dei quali il soggetto non ha dimostrato la lecita provenienza.

Lo stesso è stato, pertanto, segnalato alla competente A.G. che, nell’immediatezza, ha disposto la riemissione in libertà dei volatili, il cui valore di mercato è stato stimato in circa 1.200 euro.

La tutela del territorio e dell’ambiente rimane un obiettivo primario dei Carabinieri Forestali, che possono perseguirla al meglio anche grazie alla collaborazione dei cittadini, che possono segnalare presunti illeciti al numero di emergenza ambientale 1515.

Condividi questo Articolo
Previous Article

Filitalia International Vibo Valentia, iniziativa contro la violenza alle donne

Next Article

Limbadi (VV), chiusa un’azienda agricola-zootecnica legata alla famiglia di ‘ndrangheta dei Mancuso e passate al setaccio due attività commerciali

You may also like

Dasà (VV), detenzione di volatili non cacciabili. Soggetto deferito all’autorità giudiziaria