MediterraneiNews.it

Polistena: A rischio il reparto di Cardiologia

Dopo il grido di allarme dei giorni scorsi da parte del Sindaco di Polistena Michele Tripodi, seguono quelli di Marcello Anastasi,  il quale  sottolinea come  dal 2018 nel Reparto di  Cardiologia del locale Ospedale, si  stesse registrandosi un positivo cambiamento,  dimostrato sia dal raddoppio  dei ricoveri che   dall’avvio   anche di alcune importantissime  attività diagnostiche e  terapeutiche che ormai non si facevano più da anni.

 In quest’arco di tempo si è quintuplicato il numero degli impianti di pacemakers e device vari, per far  crescere notevolmente l’attività di cardio stimolazione.

Tutto questo nonostante  i pochi medici a disposizione i quali, purtroppo,  si ridurranno ulteriormente da qui alla  prossima primavera.

Due dei medici a disposizione infatti  avrebbero già chiesto di andare in pensione facendo venire meno in organico altre due unità. Ciò comporterà dal mese di aprile in poi l’impossibilità a garantire  il servizio di guardia interna e quindi conseguentemente sarà necessario o attingere nuove energie oppure, in mancanza di alternative,  si rischia di chiudere il reparto. Nel frattempo, gravi difficoltà si registrano nell’esecuzione di  alcune indagini diagnostiche di qualità, considerando che per le stesse, da circa un anno e mezzo, è stato chiesto l’acquisto di un ecocardiografo multidisciplinare al fine di  offrire  la possibilità di fare delle ecocardiografie a giovani pazienti che invece vengono inviati giornalmente  verso altre strutture sparse nel territorio  per potersi sottoporre  ad una semplice ecocardiografia pediatrica. Questo significa  spendere molto di più  con  un rischio clinico che sale in maniera esponenziale nel  portare  i giovani pazienti in giro piuttosto che  comprare un ecocardiografo con tali caratteristiche per consentire ai medici del reparto le suddette indagini diagnostiche. Di fatto viene a mancare quell’aspetto importante che garantisce  l’assistenza ai malati e che si chiama cardiologia di precisione. I medici del reparto sono impediti di fare la cardiologia di precisione in quanto manca la strumentazione idonea. Si constata che  il cosiddetto piano di rientro ha messo seriamente in ginocchio la Calabria mentre a  breve saranno pubblicati degli studi che già documentano come nella nostra Regione,  la mortalità sia  cresciuta del 2,7%. E’ indispensabile che i cittadini sappiano  che se in Calabria ancora si muore  per malasanità sicuramente una buona parte di responsabilità ricade sulla  gestione del  “piano di rientro”  in maniera del tutto inusuale e  manichea.  Quanto detto   è stato ripetutamente evidenziato e stigmatizzato ai Responsabili del Settore Sanità della Calabria, chiedendo di  garantire il governo clinico dei reparti  attraverso la gestione e la formalizzazione delle cosiddette gerarchie, intese come strumento necessario per garantire il governo clinico del reparto di cardiologia.

 A Polistena il 90% dei reparti è privo di primario, ma  il problema più grave rimane   la mancanza di medici e di strumentazioni idonee.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

A Gioia Tauro incontro dal tema:”160 anni fa sono sbarcati i Mille, e poi come sono cambiate le cose al Sud dopo l’Unità D’Italia”

“160 anni fa  sono sbarcati i Mille, e poi… come sono cambiate le cose al Sud  dopo l’Unità d’Italia”, è stato il tema del convegno che si è svolto a Gioia Tauro nella storica Sala Fallara, fortemente voluto e organizzato dall’Associazione Pensionati della città, presieduta da Natal Zucco, con il…

Leggi tutto »

Partirà a Gioia Tauro il Progetto Tim “Operazione Risorgimento Digitale”

Gioia Tauro fa parte dei 107 comuni scelti per il progetto Tim “Operazione Risorgimento Digitale”. L’iniziativa partirà i primi di Febbraio a Gioia Tauro, unica Città nella provincia di Reggio Calabria e tra le 5 piazze calabresi ad usufruire del momento formativo. Il primo incontro conoscitivo sarà lunedì 20 gennaio…

Leggi tutto »