Christian day, da nord a sud migliaia di cristiani si uniscono a difesa dei valori cristiani e contro la blasfemia
Christian day, da nord a sud migliaia di cristiani si uniscono a difesa dei valori cristiani e contro la blasfemia

MediterraneiNews.it

Christian day, da nord a sud migliaia di cristiani si uniscono a difesa dei valori cristiani e contro la blasfemia

Sarà un momento storico importantissimo per tutta la cristianità italiana, al quale aderiranno anche le chiese cristiane “Gesù Cristo è il Signore” di Gallico (RC), Condofuri, Vibo Valentia, Pellaro, Bagnara Via Oberdan. L’iniziativa è promossa dalla rete di Movimenti Cristiani Italiani formata da Movimento Rialzati Italia (presidente Claudia Baldari)Cristiani per l’Italia(presidente Sandro Oliveri) e A.C.EAzione Cristiana Evangelica (presidente Adriano Crepaldi).

“Il pastore Demetrio Amadeo della chiesa di Gallico (RC) unitamente agli altri pastori- dichiarano gli organizzatori -rimarca l’importanza di manifestarsi uniti e coesi per denunciare con forza gli ultimi fatti gravissimi accaduti nella nostra Nazione contro il nostro credo Cristiano, contro i valori e principi e soprattutto contro nostro Signore Gesù Cristo. Davvero inaccettabili e deprivanti della nostra identità cristiana nazionale gli ultimi episodi di cronaca”.

“Il Manifesto esposto al Museo d’arte contemporanea di Roma – affermano i Movimenti Cristiani Uniti – che ritrae uno scempio senza fine di un uomo con un bambino inginocchiato che demarca profili di depravazione e di pedofilia, lasciando intendere che quell’uomo rappresenti Gesù; Netflix che, superando ogni decenza, ha lanciato il film blasfemo “La prima tentazione di Cristo”, dove Gesù viene raffigurato in versione omosessuale, con un fidanzato e con nessuna voglia di diffondere il vangelo, anzi frequentando i suoi discepoli che vengono descritti come un gruppo di alcolisti».

“Denunciamo a voce alta – proseguono i movimenti  – queste azioni blasfeme e vergognose chiedendo con forza la rimozione del manifesto osceno dal Museo d’arte contemporanea di Roma e la sospensione della serie TV di Netflix, perché riteniamo che tali atti non solo offendano in modo ignobile il nostro credo e la persona del nostro Signore Gesù Cristo, ma siano identificabili come reato penale di vilipendio contro un credo religioso, il credo Cristiano”.

“Il messaggio di salvezza predicato dal nostro Signore Gesù Cristo – afferma il pastore della Chiesa di Ionadi (VV), Giovanni Perri – ha diviso la storia in avanti e dopo Cristo, e i cristiani dovrebbero contrastare ogni forma di oppressione o di discriminazione. La fede senza le opere è morta. Un cristiano che soggiace muto a tali provocazioni non fa onore a quel popolo che 2000 anni fa accettava di essere martirizzato nelle arene per difendere la propria identità e non rinnegava il proprio Signore e Salvatore”.

“L’obiettivo di realizzare il regno di Dio su questa terra – dichiara il pastore della chiesa di Condofuri (RC) – deve unire tutta la Chiesa per giungere ad un obiettivo UNITARIO, il prevalere della cultura e della civiltà cristiana, la diffusione e la difesa di tutti quei valori che hanno da secoli permeato la nostra nazione”.

Siamo diventati il Paese dove i bambini in classe devono rimuovere il Crocifisso – denuncia la rete di chiese cristiane italiane – per non offendere altri credi religiosi, e nessuno si indigna o batte ciglio per difendere il nostro credo, la nostra cultura e la nostra identità cristiana. Siamo stanchi di queste continue offese, di questi continui attacchi e chiediamo leggi più severe per coloro i quali compiano tali blasfemie, e la punizione per i responsabili di tali atti. A tal fine depositeremo denuncia presso la Procura della Repubblica per l’affissione del manifesto osceno che demarca non solo il reato di vilipendio ma ha anche i connotati della pedofilia”

Infine i pastori rivolgono un appello a tutti i cristiani di buona volontà, abbandonando le barriere denominazionali: “Partecipiamo numerosi per la difesa del nome di Gesù Cristo alla manifestazione di piazza a Roma, sabato 25 gennaio 2020 per difendere il nostro credo Cristiano, per chiedere leggi più severe, per difendere i nostri valori, i nostri principi e la nostra identità cristiana, e invitiamo tutti a unirsi a noi in questa battaglia di civiltà”.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Sono due i sentieri calabresi presenti nell’Atlante dei Cammini d’Italia.

C’è anche la Calabria nell’Atlante dei Cammini d’Italia – presentato a Roma dal Ministro dei Beni, delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini – e che raccoglie per la prima volta le informazioni per attraversare l’Italia nei percorsi culturali e naturalistici gestiti da associazioni o enti pubblici. Un progetto veramente…

Leggi tutto »

Vibo Valentia, attività della Polizia di Stato contro la raccolta clandestina di scommesse. Denunciate tre persone

Nella mattinata di venerdì scorso, personale della Divisione di Polizia Amministrativa, Sociale e dell’Immigrazione, che ha operato insieme a dipendenti della Sezione Operativa Territoriale di Catanzaro dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato, ha svolto un controllo presso un esercizio ubicato nella centrale via Spogliatore, nel corso di una…

Leggi tutto »
Christian day, da nord a sud migliaia di cristiani si uniscono a difesa dei valori cristiani e contro la blasfemia