“Caffè corretto” la campagna della Filcams CGIL Calabria è nata dall’inchiesta Malapianta che descriveva un settore Turistico asservito e fortemente condizionato dalla ‘ndrangheta.

Nessun commento Share:

“Caffè corretto” la campagna della Filcams CGIL Calabria è nata dall’inchiesta Malapianta che descriveva un settore Turistico asservito e fortemente condizionato dalla ‘ndrangheta.

L’esito del processo d’appello con le condanne confermate ai clan è sicuramente una notizia positiva che punisce chi ha commesso gravi reati ma che non restituirà a chi ha subito torti e vessazioni la dignità e il maltolto.

Lavoratori e lavoratrici che sono stati sfruttati o che non hanno avuto possibilità di faticare perché quel posto toccava a qualcun altro, aziende tagliate fuori dal mercato per favorirne altre che non hanno potuto crescere ed offrire lavoro, tutto questo è quello che soffoca la Calabria e di cui la politica innanzitutto deve occuparsi perché alcune cose non succedano.

La Magistratura ha fatto e continua a fare un lavoro prezioso per riscattare la Calabria, così come le forze dell’ordine che vanno sostenute e ringraziate ma l’obiettivo della Filcams Cgil e di “Caffè Corretto” rimane cambiare questo stato di cose, far prendere coscienza e costruire alleanze con chi vuole restare in Calabria e vivere dignitosamente attraverso il proprio onesto lavoro.

Per questo non smettiamo di appellarci alla Politica, alle associazioni datoriali ed alle Istituzioni affinché si costruiscano assieme alleanze e strategie contro il malaffare e per il lavoro corretto.

Come calabresi, come lavoratrici e lavoratori meritiamo di vivere dignitosamente e di crescere nella nostra Terra, di difenderne la bellezza e di tutelarla.

La Filcams Cgil Calabria continua a battersi in prima linea contro la criminalità perché questo significa liberare il lavoro dal ricatto e dall’imposizione a regole non scritte che gente senza cittadinanza, come sono questi criminali, vuole e continua ad imporre.

C’è da scrivere il Testo Unico sul turismo e bisogna ripartire proprio da inchieste come Malapianta affinché intrecci e commistioni, inquinamento dell’economia non debbano più ripetersi.

Condividi questo Articolo
Previous Article

SICUREZZA STRADALE: IN STRADA E IN PISTA VINCONO LE REGOLE

Next Article

“Bibliotour Percorsi tra le righe” è il titolo del progetto di valorizzazione della biblioteca comunale di Gioia Tauro

You may also like