MediterraneiNews.it

Il cavallo si “tuffa” in piscina e i Vigili del Fuoco lo salvano

La casistica che impegna ogni giorno i Vigili del fuoco è quanto mai varia ma non era ancora successo che il centralinista del 115 si trovasse alle prese con la richiesta di soccorso per un cavallo caduto all’interno di una piscina. Eppure, ieri mattina, alle 10.40 è arrivata al comando provinciale dei Vigili del fuoco di Vibo Valentia una segnalazione per un incidente a un cavallo che, probabilmente durante la notte, era finito all’interno della piscina di un agriturismo e non certo per prendere un bagno in questo caldo mese di ottobre. Secondo quanto è stato possibile ricostruire, un cavallo, mentre passeggiava all’interno del recinto di un agriturismo di località Calosse, nei pressi della frazione di Nicotera Marina, è finito all’interno della grande vasca. Se sia stata l’oscurità a tradire il cavallo o se sia scivolato sui bordi viscidi forse non lo sapremo mai. Di certo, ieri mattina la scena che si è presentata ai proprietari della struttura ricettiva è stata alquanto insolita. I Vigili del fuoco, ricevuta la segnalazione, hanno inviato sul posto l’autogrù. Gli uomini del caposquadra Luigi Ferraiuolo hanno subito constatato l’impossibilità di avvicinarsi con il mezzo alla piscina, in quanto la strada di accesso all’agriturismo non era percorribile dall’autogrù. I Vigili del fuoco non si sono, però, persi d’animo, e, forse ispirandosi al fortunato spot di un noto amaro, si sono dati da fare per portare comunque a compimento la loro missione. La squadra, quindi, si è dapprima prodigata allo svuotamento della piscina e, in contemporanea, ha costruito con mezzi di fortuna, una passerella per consentire all’animale di uscire dalla piscina senza alcun danno. La storia ha avuto così il lieto fine da tutti atteso, sancito dagli applausi che hanno salutato messo piede sull’asciutto.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Le navi dei veleni: la mappa in Calabria – Video

Discariche marine di rifiuti tossici e radioattivi, è il sistema messo in atto nel Mediterraneo da circa vent’anni. Carrette del mare utilizzate per simulare naufragi, (almeno 30 le navi affondate nel Mediterraneo fin dalla fine degli anni ’70), inabissamenti sui fondali dove le imbarcazioni giacerebbero con il loro carico di rifiuti…

Leggi tutto »

Zambrone, disputa sull’eredità, i Carabinieri di Tropea traggono in arresto sei persone per rissa

I Carabinieri della Compagnia di Tropea sono intervenuti a Zambrone dove era in atto una rissa tra sei persone, un vero e proprio “duello rusticano” che, si scoprirà poi, sarebbe scaturito da futili motivi legati a dissidi di natura familiare sulla divisione di alcune proprietà ereditate. I militari del Norm…

Leggi tutto »