MediterraneiNews.it

La Guardia Costiera rilancia l’operazione “Mare sicuro 2017”

Da oggi, come ogni anno nel periodo estivo, si intensifica lo sforzo operativo della Guardia Costiera che vedrà impegnati, per la stagione 2017, circa 3mila uomini e donne, oltre trecento mezzi navali e 15 mezzi aerei lungo tutti gli 8mila chilometri di coste italiane, nonché sul Lago di Garda e sul Lago Maggiore.

 L’operazione è volta a garantire la corretta fruizione del mare e uno svolgimento in sicurezza delle attività ludiche e ricreative ad esso collegate. Sicurezza e serenità, legalità e divertimento, quindi, attraverso specifici  interventi condotti nel segno della “trasversalità”, quale sintesi del lavoro e dello sforzo che il Corpo delle Capitanerie di porto, Guardia Costiera, compie nell’ambito delle proprie funzioni e dei compiti legati agli usi civili e produttivi del mare, tra i quali, primo fra tutti, la salvaguardia della vita umana in mare, oltre alla sicurezza della navigazione, alla tutela dell’ambiente marino e costiero, ai controlli sulla pesca e sull’intera filiera ittica.

Durante la stagione estiva 2016 sono stati 57mila i controlli effettuati sul demanio marittimo, ai quali si sono aggiunti anche gli oltre 3mila controlli nelle Aree marine protette. L’operazione “Mare Sicuro” ha registrato, al termine dell’estate 2016, il soccorso ad oltre 3500 persone e 700 unità, con quasi 50mila controlli sulle imbarcazioni da diporto.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Il geologo Pileggi (“Amici della Terra”): Nel mare calabrese non c’è inquinamento radioattivo

A lanciare l’allarme erano state “Le Iene” un paio di mesi fa. Con un lungo servizio girato sulle spiagge del Catanzarese e del Reggino avevano spaventato tutti paventando la presenza di inquinamento radiottivo nel mare calabrese. Immediatamente scattavano le indagini con prelievi a campione effettuati dall’Arpacal. I risultati negavano presenza…

Leggi tutto »

L’UE vuole una manovra di tre miliardi ma i danni del terremoto ammontano a dieci miliardi.

In questi giorni, le cronache politiche registrano un vivave dibattito in merito alla richiesta pervenuta da Bruxelles di una manovra correttiva di oltre tre miliardi di euro. Anche noi di mediterraneinews siamo europeisti – e del resto non avremmo chiamato così il nostro giornale che vuole essere un omaggio anche…

Leggi tutto »