MediterraneiNews.it

Atto intimidatorio alla sede di Confindustria di Vibo Valentia, Alfonso Grillo esprime solidarietà al presidente Rocco Colacchio

“Solidali con il presidente di confindustria Rocco Colacchio che invito ad andare avanti nel suo lavoro di rappresentanza e di imprenditore, nella consapevolezza che non sarà solo in questa battaglia di civiltà che il vibonese deve intraprendere contro tutte le mafie opprimenti e dissacranti”.

Esordisce così Alfonso Grillo dopo l’atto intimidatorio compiuto contro la sede vibonese di Confindustria dove è stata trovata una  bottiglia contenente liquido infiammabile e due cartucce di fucile.

“Il tessuto economico vibonese – afferma Grillo – ha bisogno di imprenditori credibili, capaci, e liberi da ogni condizionamento per ispessirsi e produrre crescita. Pertanto, confidiamo nel lavoro della magistratura e delle forze dell’ordine affinché si creino le condizioni di garanzia tutela e serenità a tutti coloro che, a vario titolo, sono impegnati ad investire, mettendoci la faccia, in un territorio difficile. Fare imprenditoria in una congiuntura economica negativa è già di per se complicato, aggiungere ulteriori rischi fino a sfiorare la propria incolumità può significare gettare la spugna. Un territorio che ha il più alto tasso di disoccupazione giovanile in Italia, ed il più basso Pil ha bisogno di investitori se vuole incrementare l’agibilità economia e creare posti di lavoro”.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Sorianello (VV), non è stata trovata in casa ai domiciliari. Arrestata Viola Inzillo

I Carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno durante un preordinato servizio di controllo del territorio, hanno deciso di controllare i soggetti sottoposti a misura cautelare nell’ambito del comune di Sorianello. In particolare venè stata controllata, presso la sua abitazione, Viola INZILLO, classe ’66, già tratta in arresto nell’ambito dell’operazione convenzionalmente…

Leggi tutto »

Autobomba di Limbadi, sabato i funerali di Matteo Vinci

“Sabato 14 luglio, a Limbadi, si terranno i funerali di Matteo Vinci, il giovane biologo rimasto ucciso lo scorso 9 aprile in seguito all’esplosione di un’autobomba piazzata all’interno della sua autovettura, vittima della barbarie mafiosa che impera sul nostro territorio”. A renderlo noto l’avvocato Giuseppe De Pace, legale della famiglia…

Leggi tutto »