MediterraneiNews.it

Ricadi – Sequestrate quattro vasche del depuratore di Santa Maria.

Un operazione di controllo dei depuratori avviata dalla Procura di Vibo Valentia e dal Nucleo Ambiente della polizia giudiziaria ha portato ieri, al sequestro di quattro vasche del depuratore di Santa Maria di Ricadi e al deferimento del primo cittadino ricadese Giulia Russo, alla Procura di Vibo per il reato di deposito incontrollato di rifiuti.

I carabinieri sospettano che le ditte incaricate non abbiano effettuato lo smaltimento dei rifiuti per almeno due anni. Inoltre le quattro vasche sequestrate – contenenti circa 50 metri cubi di fanghi essiccati e non smaltiti – erano realizzate in cemento armato e risultano prive di copertura. L’impianto era inoltre del tutto privo degli strumenti di videosorveglianza.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Notte di fuoco nel vibonese: diversi incendi in vari centri della provincia.

Se il bilancio del 2017 era di oltre 50 mezzi incendiati certo non si può dire che questo 2018 non è partito con il piede giusto. Sono infatti ben otto i roghi che hanno interessato sette autovetture e un escavatore.  Una situazione che ha messo a dura prova i Vigili del fuoco…

Leggi tutto »

Dopo l’operazione denominata Drain, il locale circolo di Legambiente rivolge un plauso alle forze dell’ordine per avver effettuato il sequestro dell’autospurgo a Ricadi e, nella consapevolezza che “il problema della depurazione e dell’inquinamento ambientale riguardi anche lo sversamento illegale dei liquami nei torrenti e nei fossi che inevitabilmente raggiungono il mare”,…

Leggi tutto »