MediterraneiNews.it

Catanzaro, sequestrati beni per un valore di oltre 900 mila euro ad esponente della cosca “Gallace”

I finanzieri del Nucleo di polizia Tributaria di Catanzaro, coordinati dal Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, dal procuratore aggiunto, Vincenzo Luberto, e dal sostituto procuratore, Vincenzo Capomolla, questa mattina hanno dato esecuzione a un provvedimento di sequestro di beni per un valore di circa 920 mila euro, emesso dalla seconda Sezione penale Misure di prevenzione del Tribunale di Catanzaro su richiesta della Procura Distrettuale.

Destinatario della misura ablativa è Vincenzo Vitale di Guardavalle, vicino alla cosca di ‘ndrangheta “Gallace”, operante nell’area ionica soveratese. Vitale  era stato coinvolto nella nota operazione di polizia denominata “Itaca-freeboat”, culminata nel mese di luglio 2013 con l’arresto di 25 soggetti, ritenuti affiliati, ovvero fiancheggiatori della cosca Gallace-Gallelli-Saraco operante a Guardavalle, Badolato e su tutta la fascia del basso ionio catanzarese.

All’esito dell’intero procedimento penale, nel marzo del 2015, col rito abbreviato, era stato condannato a sei anni di reclusione, perchè ritenuto colpevole di associazione mafiosa ed estorsione aggravata dal metodo mafioso. Successivamente, la Corte di Appello di Catanzaro, in riforma della sentenza di primo grado, lo assolveva dal reato di associazione mafiosa e gli confermava la condanna per estorsione aggravata dal metodo mafioso, rideterminando contestualmente la pena ad anni quattro di reclusione ed euro duemila di multa.

Le indagini patrimoniali condotte dagli investigatori del Gico diretti dalla Dda dellla procura della Repubblica di Catanzaro, prodromiche all’emanazione del provvedimento di sequestro, hanno consentito di ricostruire in capo al proposto un notevole complesso patrimoniale il cui valore è risultato sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati o all’attività economica svolta. In particolare, è stato accertato che Vitale, nel corso degli anni, ha alternato l’attività di lavoratore dipendente presso un’azienda agricola con quella di imprenditore agricolo, presentando dichiarazioni dei redditi del tutto incoerenti con il patrimonio nella sua disponibilità. Il provvedimento di sequestro ha riguardato due fabbricati ubicati nel comune di Guardavalle e due automezzi, per un valore complessivo stimato in 920 mila euro.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Spadola: si ribalta col furgone e finiosce in una scarpata.

Incidente a Spadola – piccolo centro urbano nelle serre vibonesi – dove ieri, un 67enne tale M. S., mentre era intento a fare retromarcia col furgone si è ribaltato finendo sotto una scarpata. Sul posto sono intervenuti sia i Vigili del Fuoco del distaccamento di Serra San Bruno che gli operatori…

Leggi tutto »

Il sottosegretario all’Interno Carlo Sibilia a Limbadi

Il sottosegretario all’Interno Carlo Sibilia ha fatto tappa a Limbadi dove, in municipio, ha tenuto una riunione operativa con il nuovo prefetto, Giuseppe Gualtieri, il vice capo gabinetto Sergio Raimondo, i commissari del Comune, Emma Caprino e Francesco Battaglia, il questore Andrea Grassi e i vertici provinciali delle Forze dell’Ordine….

Leggi tutto »