MediterraneiNews.it

Australia al referendum per le nozze gay vincono i SI.

Con il voto di ieri, l’Australia entra nel novero dei paesi che riconoscono le nozze tra persone dello stesso sesso. Al referendum consultivo che si è svolto ieri e che ha visto un altissima partecipazione al voto – il 79.6% degli aventi diritto – infatti, i Si sulla legalizzazione dei matrimoni gay, hanno prevalso nettamente con il 61.6% dei consensi.

In Australia avere rapporti sessuali omosessuali è legale dal 1994, mentre il matrimonio tra persone dello stesso sesso era stato proibito dal 2004, quando il primo ministro dell’epoca, il conservatore John Howard, fece modificare l’Australian marriage act del 1961 specificando che il matrimonio fosse solo “l’unione di un uomo e una donna con l’esclusione di tutti gli altri”.

Toccherà adesso al parlamento di Canberra tradurre in legge il verdetto referendario. Un impegno che è stato preso sia dall’attuale primo ministro il conservatore Malcolm Turnbull che dall’opposizione del partito laburista.

Certamente bisognerà vedere in che termini sarà codificato questo nuovo diritto dei cittadini australiani, ma la tradizionale serietà del sistema politico dell’isola continente non fa nutrire dubbi sul fatto che la legge sarà varata entro pochi mesi.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

A Nicotera è in arrivo sua eccellenza il profugo. La sorpresa SPRAR spiazza la piazza…

Avevamo già scritto, in alcuni articoli ad inizio anno in tempi non sospetti, sulla ventilata ipotesi di un centro di accoglienza per profughi a Nicotera. Uno SPRAR-Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati? Sul sito della Prefettura di Vibo Valentia non ci sta traccia di alcun allegato 5 dove…

Leggi tutto »

In Brasile vince la destra. Bolsonaro, di origini italiane, è il nuovo presidente. Promette di consegnare alla giustizia il terrorista Cesare Battisti.

Bolsonaro, il presidente che rimpiange i militari del golpe che ha segnato il Paese per 20 anni. Jair Bolsonaro, lontane origini italiane, i veneti Bolzonaro, risulta vincitore con il 55,7%, contro il 44,30% ottenuto da Fernando Haddad, il candidato democratico. Il primo messaggio dopo la vittoria Bolsonaro lo ha affidato…

Leggi tutto »