MediterraneiNews.it

Australia al referendum per le nozze gay vincono i SI.

Con il voto di ieri, l’Australia entra nel novero dei paesi che riconoscono le nozze tra persone dello stesso sesso. Al referendum consultivo che si è svolto ieri e che ha visto un altissima partecipazione al voto – il 79.6% degli aventi diritto – infatti, i Si sulla legalizzazione dei matrimoni gay, hanno prevalso nettamente con il 61.6% dei consensi.

In Australia avere rapporti sessuali omosessuali è legale dal 1994, mentre il matrimonio tra persone dello stesso sesso era stato proibito dal 2004, quando il primo ministro dell’epoca, il conservatore John Howard, fece modificare l’Australian marriage act del 1961 specificando che il matrimonio fosse solo “l’unione di un uomo e una donna con l’esclusione di tutti gli altri”.

Toccherà adesso al parlamento di Canberra tradurre in legge il verdetto referendario. Un impegno che è stato preso sia dall’attuale primo ministro il conservatore Malcolm Turnbull che dall’opposizione del partito laburista.

Certamente bisognerà vedere in che termini sarà codificato questo nuovo diritto dei cittadini australiani, ma la tradizionale serietà del sistema politico dell’isola continente non fa nutrire dubbi sul fatto che la legge sarà varata entro pochi mesi.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Stati Uniti: falso allarme missilistico provoca il panico alle Hawaii.

Brutto risveglio quello che hanno avuto sabato mattina i residenti delle isole Hawaii per via di un falso allarme su un imminente attacco missilistico contro il territorio che dal 1898 è parte integrante del territorio statunitense. Il governatore delle Hawaii David Ige ha detto alla CNN che l’errore è stato causato da un dipendente…

Leggi tutto »

Nonostante le ostilità tra i rappresentanti del governo di Damasco e gli oppositori, durante i negoziati del 23 e 24 gennaio Mosca, Ankara e Teheran hanno espresso l’intenzione di voler dissociare l’opposizione armata dalle milizie dei terroristi. Trovato poi un accordo per monitorare il cessate il fuoco. Ma la pace…

Leggi tutto »