MediterraneiNews.it

Musei calabresi, il 2017 si chiude con un incremento degli incassi dell’11%.

Anno positivo il 2017 per i musei calabresi secondo quanto si apprende dall’ultimo rapporto del ministero per i Beni culturali attività e turismo, relativo all’afflusso di turisti nei luoghi di interesse storico e archeologico.

Mezzo milione di visitatori e incassi per oltre novecentomila euro – con un incremento dell’11,4% – non sono un dato da sottovalutare. Anche se il numero delle presenze – 491323 – è leggermente dimunuito a 487264. Da sottolineare che molte regioni hanno fatto molto meglio: Liguria (+25.9%); Puglia (+19.5%); Friuli V. Giulia (+15.4%); Lazio (+13.4%); Campania (+10.7%).

Ovviamente a fare la parte del leone è il Museo Archeologico di Reggio Calabria (+2%) che può vantare la presenza dei celebri “Bronzi di Riace”. Ma anche altre strutture fanno registrare degli aumenti come ad esempio i musei di Crotone (+6.4%), il sito di Kaulon (+6.4%).

Tra i luoghi della cultura a ingresso gratuito il maniero di le Castella di Isola Capo Rizzuto è stato visitato da oltre 83 mila persone. Seguono la Cattolica di Stilo, con 31 mila visitatori, ed il Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna, con 20.500 ingressi.

Ci sono però anche delle criticità come è naturale: la Rete museale vibonese, (-17%), Il polo museale della sibaritide (-9.2%) e il Parco Scolacium (-40%).

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Calabria: Irto confermato presidente del consiglio regionale.

Nicola Irto è stato riconfermato presidente del consiglio regionale della Calabria, ottenendo 24 voti in occasione del rinnovo dell’Ufficio di presidenza. Ma le sorprese non sono mancate nel corso delle votazioni. Irto infatti ha preso 4 voti in più di quelli della maggioranza che sostiene Oliverio. Sono voti che arrivano…

Leggi tutto »

Calabria: l’emergenza idrica e le proteste a Nicotera continuano ad essere un caso nazionale.

Da mesi ormai, la popolazione di Nicotera protesta – come ormai tutti sanno – in merito alle condizioni dell’acqua che fuoriesce dalle abitazioni. Una protesta, che ha comportato l’occupazione del municipio cittadino per ben due volte – nel luglio scorso e pochi giorni fa – da parte degli attivisti del…

Leggi tutto »