MediterraneiNews.it

Torino, ancora scontri tra manifestanti e polizia. Pianese (Coisp): dilaga la strategia del disordine

manifestazione di torin
manifestazione di torino

Gli scontri tra antifascisti e forze dell’ordine si susseguono in tutta Italia e cominciano a destare preoccupazione. Il fenomeno è all’attenzione del governo, mentre Domenico Pianese, segretario generale del Coisp, sindacato indipendente di polizia, dopo gli scontri verificatisi a Torino durante un corteo dei centri sociali contro CasaPound, non esita a far sentire la sua voce.

<Ma quali antifascisti. Ma quale pacifisti. Ieri a Torino – afferma – anarcoidi criminali hanno tentato di uccidere gli appartenenti alle Forze dell’ordine impegnati a svolgere i proprio dovere con l’ennesima assurda aggressione che, stavolta, ha visto ‘alzare il tiro’ fino a utilizzare bombe carta ‘farcite’ con pezzi di metallo. Schegge che si trasformano in veri e propri proiettili – prosegue – conficcandosi nella carne e bucando perfino le protezioni delle uniformi, esattamente come è accaduto ieri sera quando sei Poliziotti, a cui va tutta la nostra vicinanza, sono stati investiti dal metallo e sono rimasti seriamente feriti>

domenico pianese
domenico pianese

Pianese è convinto che <la strategia del disordine messa in atto da movimenti che si definiscono antifascisti e che con questo cercano invano di mascherare i loro chiari intenti criminali, è sempre più evidente, e si diffonde a macchia d’olio in maniera niente affatto casuale elevando il livello dello scontro a un punto tale che lo Stato non può più ignorarlo né restare inerme>. Peraltro <esiste un preciso dovere – aggiunge – di impedire questo progetto eversivo di chi sfrutta le tensioni sociali ad ogni buona occasione per accanirsi contro i tutori della sicurezza di tutti>. E poiché quanto sta accadendo non ha nulla a che spartire con le ideologie politiche <auspichiamo – conclude il leader del Coisp – che almeno in questo momento i partiti politici, in modo unanime, esprimano una ferma condanna nei confronti di chi utilizza queste manifestazioni con il solo e chiaro intento di cercare lo scontro con le Forze dell’ordine per poter fare più male possibile>.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Riflettori accesi su Ostia. Il Coisp: no all’esercito, sì al potenziamento del commissariato

Riflettori accesi sulle condizioni di vita che accompagnano le giornate dei cittadini di Ostia, salita, improvvisamente, agli onori della cronaca anche se i “guai” emersi in questi giorni affondano le radici in tempi lontani. Il litorale romano pullula di problemi, il Governo se ne accorge solo oggi e il ministro…

Leggi tutto »

Dalila Nesci (M5S): “contro l’inquinamento delle istituzioni vibonesi il Governo agisca subito”

Dalila Nesci (M5S) rilancia ancora una volta la “questione vibonese” in quanto, secondo la parlamentare calabrese, “non è più possibile che la politica si volti dall’altra parte”. La recente vicenda dell’arresto per mafia del comandante della stazione dei carabinieri di Sant’Onofrio, riaprirebbe, per la Nesci, il problema della terzietà delle…

Leggi tutto »