MediterraneiNews.it

Medio Oriente: nuovo attacco nella notte contro installazioni militari in Siria. Uccisi anche soldati iraniani.

Piovono bombe nuovamente sulla Siria. Nella notte di ieri infatti, alcuni missili, hanno colpito delle postazioni militari site nelle province di Aleppo e Hama, provocando almeno una quarantina di morti e una sessantina di feriti.

Tra questi – e non è un fatto secondario – anche dei militari iraniani che, come è noto, agiscono da tempo nel paese Mediorientale appoggiando le forze lealiste fedeli al presidente Assad. L’attacco sarebbe partito da basi militari britanniche e statunitensi nel nord della Giordania ma non è una notizia ancora confermata, tanto che altre fonti, asseiscono che l’attacco potrebbe essere stato sferrato dagli israeliani. Si tratta comunque del secondo attacco dopo quello congiunto americano-franco-britannico del 14 aprile scorso.

Uno scenario dunque – quello siriano – che si fa ancora più incandescente con gli Stati uniti e i loro alleati regionali sauditi e israeliani che tentano di contrastare un regime, quello siriano, che essi percepiscono come una diretta emanazione iraniana nell’ambito del mai sopito progetto di Teheran di disegnare un asse sciita che inglobi l’Iraq, la Siria stessa arrivando al Libano.
Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Sempre più forti i legami commerciali tra Italia e Vietnam.

E’ un paese ricco di storia e di tradizioni. Un paese che può vantare il fatto di aver sconfitto sul campo due potenze di primo piano in due distinte guerre: la Francia prima e gli Stati Uniti poi. Un paese comunista ma che si è aperto al mondo e all’economia…

Leggi tutto »

La Cina potrebbe ancora una volta sostituire la Russia come principale avversario degli Stati Uniti?

Sotto Trump, la Cina potrebbe ancora una volta sostituire la Russia come principale avversario degli Stati Uniti 15 Novembre 2016 SERGEI STROKAN , MAXIM YUSIN , KOMMERSANT Fonte www.rbth.com Il cambiamento imminente nella politica statunitense modificherà i rapporti di Washington con il mondo, con le promesse di Donald Trump per ottenere…

Leggi tutto »